QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16°29° 
Domani 17°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 26 agosto 2016

FATTI E IDEE — il Blog di Ivan Ferrucci

Ivan Ferrucci

IVAN FERRUCCI - L'impegno politico inizia molto presto, durante gli studi superiori, che ho svolto a Pisa. In Provincia di Pisa, a Fornacette, vivo con mia moglie ed i mie due figli. Ho dato il mio contributo alla vita pubblica locale ricoprendo incarichi provinciali e poi quello di segretario durante gli anni di passaggio che portarono la sinistra italiana - Il PDS/DS – a confluire nel Partito Democratico. Sono stato Consigliere della Regione Toscana e capogruppo del Partito Democratico dal 2010 al 2015

Legge elettorale Toscana, obiettivo raggiunto

di Ivan Ferrucci - venerdì 12 settembre 2014 ore 18:01

La Toscana ha una nuova legge elettorale. 

Abbiamo varato la prima legge elettorale regionale che introduce l’eventuale doppio turno, nel caso in cui nessun candidato superi la soglia del 40 per cento. Viene finalmente ridata ai cittadini la possibilità di scegliere i propri rappresentanti, reintroducendo le preferenze, e per facilitare gli elettori i nomi dei candidati saranno riportati sulla scheda. 

Sono previsti premio di maggioranza (60 per cento se il presidente eletto ha conseguito più del 45 per cento dei voti; 57,5 per cento se il candidato eletto ha conseguito tra il 40 ed il 45 per cento dei voti validi nel primo turno di votazione) e soglie di sbarramento (10 per cento per le coalizioni, 5 per cento per i partiti che non facciano parte di coalizione, 3 per cento per i partiti che facciano parte di una coalizione). Viene introdotto il principio dell’alternanza di genere e possono essere espressi fino a due voti di preferenza, a patto che siano per un candidato uomo e per una candidata donna, pena la nullità della seconda preferenza. 

Quanto a parità di genere, sono orgoglioso di poter dire che abbiamo varato una normativa all’avanguardia. La divisione in circoscrizioni, su base provinciale tranne per Firenze, che è divisa in quattro, garantisce una rappresentanza territoriale omogenea e adeguata.  

Quanto alle candidature regionali, il Pd ha già dichiarato, e ora lo ribadisco, che non utilizzerà questo strumento. 

La legge è stata approvata a maggioranza al termine di una seduta lunghissima, caratterizzata anche dall’ostruzionismo di alcuni colleghi che spesso ha reso difficile un vero confronto di merito, con il solo scopo di rimandare la votazione. La discussione, ampia come è giusto che sia per provvedimenti così importanti, ha offerto molti spunti di riflessione, mi sento di dire che però si è concentrata troppo poco su quelli che sono gli elementi davvero innovativi di questa riforma, come il ritorno alle preferenze con la doppia opzione uomo-donna, l’alternanza di genere in lista, il ballottaggio. 

Abbiamo raggiunto un obiettivo prioritario, che ci eravamo posti fin da inizio legislatura e che ci consente di rispettare una promessa fatta ai nostri elettori. Le regole del gioco si scrivono tutti insieme, per questo come Pd, in quanto principale forza della maggioranza, abbiamo sì elaborato una proposta ma poi l’abbiamo discussa con tutte le forze politiche per giungere, infine, a un testo su cui era d’accordo la più larga parte dell’assemblea regionale. 

Non solo, credo davvero che per quanto ovviamente criticabile e perfettibile, la riforma contenga aspetti interessanti in grado di rappresentare, come viene sostenuto da molti, spunti utili per il sistema elettorale nazionale. Sono convinto che in futuro dovrà essere lo Stato a legiferare in materia di sistema elettorale regionale, perché una volta costituito il Senato delle regioni sia garantito, a livello nazionale, uno strumento uniforme per l’elezione dei suoi componenti. 

Adesso però abbiamo finalmente dotato la nostra Regione di una nuova legge elettorale che va a sostituire quella precedente, giustamente messa in discussione, una promessa fatta e che oggi possiamo dire mantenuta.

Ivan Ferrucci

Articoli dal Blog “Fatti e idee” di Ivan Ferrucci