QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 26° 
Domani 22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 30 settembre 2016

MUSICA E DINTORNI — il Blog di Fausto Pirìto

Fausto Pirìto

FAUSTO PIRITO - Sulle strade del Pop (e non solo) con l'ex caporedattore di Tutto Musica & Spettacolo, direttore artistico del contest Rock Targato Italia, garante del festival della contaminazione BresciaMusicArt, ideatore e curatore del Tributo ad Augusto Daolio, autore dei libri “In viaggio con I Nomadi” e “Vasco in concerto”

​Il “grande cuore” dello Zio Rock e altre storie

di Fausto Pirìto - mercoledì 04 marzo 2015 ore 20:03

Omar Pedrini (a destra) e Marco Grasselli a La Limonaia di Fucecchio

Martedì 3 marzo 2015, tardo pomeriggio. Mi arriva un sms: “Baci da Fucecchio”... “Da Fucecchio? Come?!?” Rispondo io...Sì, stasera presento il mio concerto acustico a La Limonaia”. “E me lo dici così? Ma lo sai che Fucecchio e vicinissimo a Pontedera? Tra poco sarò lì”, rispondo ancora. Ed eccomi a La Limonaia, un bel locale che non conoscevo, come non conoscevo lo splendido Parco Corsini all'interno del quale c'è questa struttura dove si incontrano i ragazzi della zona tra musica, chiacchiere e qualche buon boccale di birra (e non solo).
Poco dopo il mio arrivo, Omar fa il suo ingresso ma non mi vede subito. Io me sto sono seduto a un tavolino, un po' in disparte. Voglio sfruttare l'occasione per scrutarlo, per rendermi conto di come se la passi dopo la seconda operazione al cuore dell'ottobre 2014. Omar è Omar Pedrini, 47 anni, ex leader, voce e chitarra dei disciolti Timorìa (rock band di culto dalla fine degli Anni '80 all'inizio del nuovo millennio), solista dal 2002, attore, poeta, scrittore, conduttore televisivo per Rai5 e fine conoscitore di vini cresciuto alla scuola dell'enologo Luigi Veronelli che lo considerava, oltre che “quasi un nipote”, uno degli “allievi” più preparati e attenti.
Sì, sta bene Omar... non è più così magro come lo avevo visto in alcune foto post-operatorie... si è ripreso velocemente, molto velocemente. Appena un paio di mesi dopo l'intervento aveva voluto tornare sul palco, al suo pubblico... Certo non in versione elettrico-rock spinta. Una dimensione più soft, acustica e molto parlata, come in un “reading” che però con lui ha come sfondo la vita vera oltre all'arte della musica e della letteratura.
Durante l'ora e mezza di spettacolo a La Limonaia, Omar ha regalato tutto se stesso. Senza risparmiarsi. Brani antichi dei Timorìa, nuove canzoni dai suoi album come solista (in particolare da “Che ci vado a fare a Londra”, il più recente), cover di Neil Young, di Piero Ciampi... Una performance notevole, infarcita da parole schiette, dirette e dalla sua voce affabulatrice, con quella cadenza tutta bresciana che lo rende oltremodo simpatico. In più, citazioni del poeta e drammaturgo sovietico Vladimir Majakovskij “recitato” proprio alla maniera più consona al miglior teatro sperimentale. Eh, sì... Omar Pedrini è un vero artista, un artista a 360 gradi. Un artista che insieme con il mio collega Stefano Ronzani “scoprimmo” ragazzetto, quasi trent'anni fa, esattamente nel 1987, quando lui, con la sua band, si accaparrò un provino per la Polygram vincendo l'edizione 1987 di Rock Targato Italia, manifestazione storica per la scena undergound del nostro Paese. Proprio da RTI sono infatti venuti fuori, dopo i Timorìa, tanti altri talenti che hanno legato, direttamente o indirettamente, la propria vicenda artistica a quella della rassegna ideata e curata costantemente da Francesco Caprini e Franco Sainini, ai quali per oltre un decennio, ci affiancammo anche Stefano Ronzani e io come direttori artisti e Gianni Maroccolo da produttore. Gente come Marlene Kuntz, Subsonica, Negramaro, Litfiba, Carmen Consoli, Zibba, Le Vibrazioni, Giulio Casale (e tanti altri) è passata da RTI prima di decollare verso il successo pop (nel senso di “popular”).
Di Omar, della sua vicenda artistica e umana, tornerò a parlare presto e più approfonditamente, in pratica al suo prossimo passaggio qui in Valdera previsto nel mese di aprile. Intanto, vi segnalo che nel suo attuale tour acustico (che potete trovare in dettaglio nel sito www.omarpedrini.com o collegandovi alla pagina Facebook Omar Pedrini - Pagina Ufficiale) ci sono due date molto importanti: la prima al 75Beat di Milano, il 13 marzo; la seconda al The Water Reds di Londra, il 27 di questo stesso mese.
Prima di lasciarci, però, mi sembra giusto e opportuno darvi alcune notizie su La Limonaia, il pub che ci ha ospitati martedì sera facendoci sentire a casa nostra. E lo faccio attraverso le parole dei giovani gestori:
La Limonaia non è semplicemente un locale, è un 'modo di essere'. In questi 11 anni di vita, la Limonaia non ha servito soltanto buona birra. Prima di tutto ha offerto cultura, in particolare concentrandosi sull'arte della musica live. Tantissimi personaggi sono saliti sul nostro palco: Shed Seven, Noah and the Whale, Joy Formidable, Triovalore, 1990's, The Rumble Strips, Twisted Wheel, Mike Watt & The Missingmen, Laura Gibson, Federico Fiumani, Daniele Groff, Brunori SAS, Dimartino, Maria Antonietta, Lo Stato Sociale, solo per citarne alcuni. A rendere tutto più magico, ci pensa poi la 'location', unica, all'interno delParco Corsini di Fucecchio, dove l'antico delle Torri del vecchio borgo si fonde con la modernità di 'Eloisa', la statua in marmo dello scultore e pittore lucchese Arturo Carmassi(scomparso il 27 gennaio scorso; nda). Per altre informazioni e per la programmazione settimanale andate sulla nostra pagina facebook: https://www.facebook.com/lalimonaiaclubfucecchio. Noi siamo qui... e vi aspettiamo a braccia aperte!”.
La Limonaia di Fucecchio: un bel posto davvero, dove si respira arte, amicizia e tranquillità. Il tutto accompagnato dall'ottimo sound diffuso prima e dopo i live, che dimostra da parte dei gestori una bella conoscenza del rock (e non solo) di ieri, di oggi e di domani. Buona Musica a tutti!

Fausto Pirìto

Che Ci Vado A Fare A Londra? - Omar Pedrini
“Nina” - Omar Pedrini

Articoli dal Blog “Musica e dintorni” di Fausto Pirìto