QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 9° 
Domani -0°8° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 11 dicembre 2016

MUSICA E DINTORNI — il Blog di Fausto Pirìto

Fausto Pirìto

FAUSTO PIRITO - Sulle strade del Pop (e non solo) con l'ex caporedattore di Tutto Musica & Spettacolo, direttore artistico del contest Rock Targato Italia, garante del festival della contaminazione BresciaMusicArt, ideatore e curatore del Tributo ad Augusto Daolio, autore dei libri “In viaggio con I Nomadi” e “Vasco in concerto”

Jerì-Barsali: quando “l'Attimo” diventa Canzone

di Fausto Pirìto - venerdì 06 novembre 2015 ore 12:30

Capita spesso, anche grazie a questo Blog, che io venga contattato da giovani artisti che mi scrivono proponendomi la loro musica e segnalandomi i link cui collegarmi per ascoltarli su You Tube. Ci sono poi quelli che mi inviano una copia del loro cd e quelli che, magariincontrandomi per le strade di Pontedera, me li consegnano direttamente.
Ecco, quest'ultima cosa mi è successa di recente con una cara amica, Chiara Jerì, che conosco da tempo e che ho potuto apprezzare per il suo carattere dolce e il suo fare sempre riservato. Finalmente, vincendo la sua naturale timidezza, Chiara mi ha portato l'ultimo cd che ha inciso insieme con un altro artista pontederese, il chitarrista Andrea Barsali. L'album si intitola “Mezzanota” e posso assicurarvi che concilia la scrittura (infatti, lo sto ascoltando e risascoltando proprio in questo momento). Il disco è fatto di 9 brani (più una “gosth track”), 6 dei quali opera della stessa Chiara e del maestro Maurizio di Tollo. Gli altri 3 sono cover (“La donna cannone” di Francesco de Gregori, “Fino all'ultimo minuto” di Piero Ciampi e “Canzone II” di Pippo Pollina): una scelta perfetta, che fa ben capire quanto sia grande la “passione” della Jerì per la canzone d'autore. La voce di Chiara è calda, avvolgente, a tratti sensuale, e il virtuosismo di Andrea ne esalta la qualità “rotonda”. Insomma, una “magia” per voce e chitarra, cosa non ordinaria.
Per farvi conoscere a fondo il progetto acustico “Jerì-Barsali”, ecco qui di seguito le loro “note” bio-artistiche.
Questo duo toscano ha radici cantautorali, voce lei, chitarra lui. Chiara Jerì e Andrea Barsali si esibiscono assieme dal 2011. Dopo un’intensa attività live iniziano a lavorare al nuovo disco che vede la luce nel 2013. “Mezzanota”, pubblicato sulle più importanti piattaforme digitali, raggiunge cifre di vendite impensabili per un’autoproduzione: 500 copie solo ed esclusivamente ai concerti. Nel 2014 viene così decisa la ristampa, con un nuovo mastering e una maggiore attenzione alle sonorità che si avvicinano ancora di più alla dimensione “dal vivo” al duo tanto congeniale.
Anima dalla voce suadente, Chiara Jerì ama “rac-cantare” in musica e con delicatezza storie nate dalla sua penna e dalla sua fantasia con eleganza e delicatezza. Una passione per la musica nata per caso, quella della Jerì, o per fortuna, ascoltando dischi e 33 giri di grandi cantautori e sfociata in una vita ricca di emozioni legata all'espressione di questa arte. Il suo primo album “Mobile Identità” è da considerare come un "diario in musica”, un puzzle emotivo, utilizzando pezzi che “rac-cantano” la vita di Chiara fino alla sua pubblicazione."Mezzanota", il suo ultimo album, è l'emblema dell'abbandono totale delle difese e quindi la massima espressione di libertà. Un raccolta di canzoni inedite che racconta il mondo con gli occhi e il cuore di una donna forte e al contempo estremamente fragile ma vigile delle sue insicurezze. “Mezzanota” nasce dall’esigenza di mettere in musica i nuovi pensieri e le nuove poesie scritte da Chiara ma anche per la necessità di dare una casa, un album, al brano “Il Notturno dalle Parole scomposte”, che vinse nel 2009 il concorso musicale “Un notturno per Faber” organizzato a Genova dalla Fondazione De André e MySpace Italia.
Mezzanota” è un album che guarda il mondo con gli occhi e il cuore di una donna, come la lettera spedita a voce, intitolata “La Ballata della Ginestra” e diretta a chi non si è potuto accarezzare; “Vorrei” scelta come brano di lancio dell’album; “A Goccia A Goccia” che da voce a un condannato a una nuova e mortale solitudine; “Innesco e sparo” ispirata a un avvenimento realmente accaduto, l’esecuzione fredda, lenta e atroce di Giannino Losardo (21 giugno 1980) all’epoca dei fatti sindaco di Cetraro e che ricorda il coraggio e lo sdegno di una terra, la Calabria, a cui la Jerì è profondamente legata. Ed ancora la poesia di “Amore mio hai ragione” pezzo potente, intimo e melodioso, interamente scritto da Maurizio di Tollo, autore di tutte le musiche dei brani inediti dell’album.
La parte strumentale e gli arrangiamenti dell’intero disco sono affidati ad Andrea Barsali, chitarrista trasversale nei vari generi, dalla classica al rock, dal folk al pop, che è il sostegno, l’armonia, colui che rende possibile l’imprescindibile legame tra musica e parole, così come la stessa Chiara Jerì dichiara: «Tutte le parole senza l’Intenzione del suono di Andrea non sarebbero divenute “Mezzanota” – e continua - “Mezzanota è un neologismo, è un attimo, è imperfezione viva, è fruscio, è creazione, è voce che si stacca dal pensiero e diventa musica, è suono che saluta le dita e diventa ambiente; ma non è musica e non è ambiente, è tutto quello che c’è prima di arrivarci e tutto quello che c’è dopo aver pensato di arrivarci. Mezzanota è l’istante in cui l’Intenzione diventa Musica», conclude la cantante.
Il cd è disponibile nei negozi di musica, nei principali digital stores (iTunes, Amazon, etc.) e nel webstore di CDbaby (www.cdbaby.com) nel doppio formato sia in digitale sia nel classico supporto rigido.
Per saperne ancora di più: www.mezzanota.com www.facebook.com/MezzanotaChiaraJeriEAndreaBarsali

Alla prossima e... buona Musica a tutti! Fausto Pirìto

Fausto Pirìto

Chiara Jerì e Andrea Barsali - Vorrei - Videoclip
Fino all'ultimo minuto P Ciampi - Andrea Barsali e Chiara Jerì

Articoli dal Blog “Musica e dintorni” di Fausto Pirìto