QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16°27° 
Domani 19°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 19 giugno 2018

Attualità domenica 22 novembre 2015 ore 19:25

Mara che mostra bei film a Berlino

Mara Martinoli e il cinema Babylon a Berlino

Una storia che parte dal luogo comune 'con la cultura non si mangia': "Strano venir pagati per scegliere pellicole. In Italia? Sarebbe fantascienza"



CHIANNI — "Ho un bisogno spasmodico e ossessivo di mostrare bei film agli altri". E lo sta facendo, in uno dei cinema più noti della capitale tedesca, oltre a portare avanti un altro progetto che chiama "il mio festival".

Stiamo parlando di Mara Martinoli, 32 anni. I lettori di Qui news l'avevano già conosciuta circa un anno fa quando gli dedicammo una lunga intervista per la serie dei "Valderesi all'estero". Mara infatti, nonostante abbia girato mezza Italia è di Chianni e per molto tempo ha vissuto e lavorato nei cinema di Pisa (Arsenale, Lanteri).

"Sono arrivata a Berlino un anno e tre mesi fa. La città è bella, unica, ma anche spietata con chi si trasferisce senza un piano preciso. Il mio non è mai stato un piano preciso. Però una cosa l'ho sempre saputa: è da dodici anni che seguo lo stesso filo, in maniera ostinata". Manco a dirlo è quello della pellicola (o del digitale, adesso) e della magia che inizia quando in sala si spengono le luci: "Ho bisogno di mostrare bei film agli altri, una frase che può suonare molto pretenziosa, ma che al di là di tutto è veramente, ma veramente, quello che voglio fare di professione".

E che sta iniziando seriamente a fare, nonostante i luoghi comuni che si sentono spesso del tipo con la cultura non si mangia: "Seleziono e programmo soprattutto i classici del cinema italiano. Poi li presento, con un'interprete che mi traduce in tedesco. Mi sono sentita dire che queste cose si fanno nel tempo libero, che non ti faranno mai guadagnare da vivere, che è un mondo di gente senza scrupoli, eccetera".

"Tutte cose abbastanza vere anche qui a Berlino - chiosa - ultimamente però mi sto trovando a organizzare la programmazione del CinemAperitivo, un evento che avviene ogni domenica in un cinema molto noto di Berlino, il Babylon. Sono partita sola soletta, assoldata direttamente da un responsabile abbastanza fuori dal comune che ha pensato di darmi una possibilità nonostante non mi avesse mai visto in faccia. Grazie a questo responsabile adesso lavoro con i ragazzi di Berlino Cacio e pepe (un magazine culturale fatto da italiani, ndr). Insieme mostriamo film italiani vecchi e nuovi, sottotitolati in inglese e tedesco".

"Non sapete che strana sensazione è venir pagata per quello che programmo: roba da fantascienza in Italia, dove ho vissuto facendo un tirocinio gratuito dopo l'altro dalla tenera età di 21 anni a quella di 31. Non mi perdonerò mai di non essermene andata via prima, ma di fondo io continuo ad essere grata, dopotutto, a quel discreto esercito di persone che ha largamente abusato della mia disponibilità lavorativa. Mi hanno temprato anche se forse qualche esperienzuccia in meno l'avrai fatta".

Il futuro seppur difficile sembra orientato dalla parte giusta: "Seguo anche altri progetti: da un anno, per esempio sto dietro a quel che chiamo "il mio festival", un progetto tanto elaborato quanto ancora non finanziato: sono ancora a caccia di fondi e non ho idea di quanto ci metterò a farlo. Però lo devo fare. Ci sono altre cose, la vita si è un po' più stabilizzata, non cambio più casa ogni due mesi e so anche un po' di tedesco oltre all'inglese e al russo. Non mi sento arrivata, chi si sente così è perduto, quel che è certo è che non mi sono mai avvicinata tanto alla mia passione come adesso, a questa fissa di "mostrare bei film" che mi accompagna e che penso mi accompagnerà ancora per molto, molto tempo".

Se passate da Berlino e volete vedere un bel film sapete dove andare.  

René Pierotti
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Lavoro

Attualità