QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16°23° 
Domani 14°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 29 maggio 2016

Cronaca sabato 22 novembre 2014 ore 12:33

Domenica i funerali di Martina Del Giacco

Martina Del Giacco
Martina Del Giacco

Saranno celebrati domani 23 novembre a Fornacette alle 14,30. Oggi la salma sarà restituita alla famiglia come ha disposto il magistrato

CALCINAIA — Oggi, sabato 22 novembre, la salma di Martina Del Giacco verrà restituita alla famiglia e domani, domenica 31 novembre alle 14,30 nella chiesa Regina Pacis di Fornacette si svolgeranno i funerali. Dopo la funzione funebre la bara verrà tumulata nel cimitero di Castelfranco di Sotto.

Si è conclusa l'autopsia sul corpo della sedicenne e il magistrato Anna Rita Coltellacci ha disposto la restituzione della salma alla famiglia. I primi risultati degli esami autoptici confermano la morte per annegamento, probabilmente già dal giorno della scomparsa. Per i medici legali e gli inquirenti si sarebbe quindi trattato di suicidio. Saranno ora gli esami tossicologici sui tessuti, ancora in corso, a rivelare se la giovane abbia assunto sostanze, forse farmaci antidepressivi, prima di gettarsi nel fiume.

In un'intervista a Controradio, Lauro Mengheri, presidente dell'Ordine degli psicologi della Toscana, parlando del disagio giovanile, ha risposto così alla domanda su come riconoscere i segnali del disagio e sui provvedimenti da prendere: “In certi casi bisogna essere bravi a cogliere l'allarme, i segnali allarmanti – ha spiegato Mengheri –, colto l'allarme ci si può rivolgere a professionisti psicologi o psicoterapeuti. L'Oms, organizzazione mondiale della sanità, raccomanda ai governi un programma strutturale di prevenzione. I dati però dicono che rispetto agli anni ottanta i tentativi di suicidio sono in diminuzione, dieci su centomila nel 1988 mentre nel 2010 erano sette su centomila. E non è neanche giusto associare il suicidio all'adolescenza, i dati dicono altro. Quello che possiamo dire noi come psicologi è di porre attenzione all'utilizzo sia quantitativo che qualitativo dei social media” ha concluso Mengheri.

Tag