QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 19°21° 
Domani 18°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 28 maggio 2018

Attualità domenica 25 gennaio 2015 ore 14:00

L'erba del vicino... è anche la mia

Il borgo ecosostenibile con dodici case in legno nascerà a sei chilometri dal centro città. All'incontro di Poliedro tante persone interessate



PONTEDERA — Il borgo ecosostenibile nascerà nella campagna di Pontedera, tra la Rotta e Casteldelbosco. Saranno 10-12 abitazioni in legno e i proprietari varcheranno la porta di casa nel 2017. Il progetto di Cohousing va avanti e dopo l'incontro di venerdì al centro Poliedro nuove persone potrebbero unirsi alle 17 già presenti (5 nuclei familiari).

Alla riunione di venerdì i responsabili del Cohousing Pontedera Giovanni Forte, Monica Baldini, Stefano Petroni e Marco Finocchiaro hanno spiegato ai circa quaranta presenti (provenienti da varie parti d'Italia) la filosofia alla base di questa iniziativa: “E' un progetto nato tre anni fa, nel 2013 – racconta Giovanni Forte – l'idea è quella della condivisione e le decisioni sono prese col metodo del consenso. Pochi spazi privati, molti pubblici”.

In questi tre anni molte persone si sono avvicinate al progetto: “Per esigenze di vita volevamo che il borgo nascesse nei dintorni di Pontedera – spiega Monica Baldini – c'è stato un momento in cui eravamo undici nuclei familiari con 35 persone ma non avevamo individuato un terreno adatto. Adesso ce l'abbiamo,dista sei chilometri dal centro città.

Il terreno individuato dovrà essere acquistato: “Vogliamo procedere all'acquisto prima dell'estate di quest'anno – aggiunge Forte – dopodiché partiranno i lavori di bonifica. In un paio d'anni tutto sarà pronto”.

Le case in legno ecosostenibili e quasi autosufficienti dal punto di vista energetico potranno avere varie metrature: “Dipende dalle esigenze di chi ci andrà abitare – dice Marco Finocchiaro – potranno variare da 70 a 110 metri quadri”.

Il pubblico interessato ha rivolto varie domande ai responsabili, tra cui chiarimenti sui costi (molto accessibili), sulle attività che potranno essere svolte all'interno del borgo (sì all'apicoltura, no alla macellazione delle carni), alla disposizione delle case (no a villette a schiera, sì a soluzioni bifamiliari o trifamiliari per abbattere ulteriormente i costi).

Alla fine dell'incontro durato quasi tre ore le persone convinte o intrigate dal progetto verde saranno contattate per ulteriori incontri in attesa della definizione del gruppo definitivo che andrà ad acquistare il terreno. Per maggiori informazioni: www.cohousingpontedera.it

René Pierotti
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca