QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 19°21° 
Domani 18°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 28 maggio 2018

Attualità domenica 11 febbraio 2018 ore 06:30

"La richiesta di referendum è una grande bufala"

L'amministrazione comunale fa chiarezza sull'iter della consultazione abrogativa sulle opere pubbliche: "Non ha possibilità di essere effettuato"



PECCIOLI — "E' il momento di chiamare le cose per quello che sono: la richiesta di referendum abrogativo è una grande bufala! Non ha nessuna possibilità di essere effettuato". Decise e chiare le parole dell'amministrazione comunale che con una nota stampa punta a fare chiarezza sulla vicenda dell'iter referendario abrogativo di cui da oltre due mesi si parla per fermare due opere pubbliche, la passerella sopraelevata a Peccioli e la copertura della piazza a Fabbrica.

"Per bloccare queste opere è nato un comitato POP di partecipazione opere pubbliche - ricordano dal municipio - che si è fatto promotore della richiesta di tale referendum abrogativo. L’amministrazione comunale, pur avendo dubbi sulla richiesta che appariva una attività contraria allo statuto e che quindi poteva essere da subito dichiarata nulla, ha preferito portare la questione in consiglio comunale e procedere, per serietà, ad approfondimenti per verificarne ulteriormente la legittimità".

E precisano: "Partiamo da una considerazione di fondo: una simile richiesta può procedere solo se ha fondamenti giuridici ineccepibili e non è soggetta al gradimento né del sindaco, né del consiglio comunale; il nostro compito è appunto quello di verificarne la legittimità con gli strumenti regolamentari del Comune".

E ancora: "Nella seduta dell’ultimo consiglio comunale abbiamo preso atto che il referendum non può essere ammesso in quanto questa attività non è prevista nello statuto del Comune, infatti l’articolo 7 del testo unico degli enti locali rimanda la possibilità di poter procedere in questa direzione solo se è previsto espressamente nello statuto comunale; come ormai è noto lo statuto del Comune di Peccioli prevede solamente il referendum consultivo".

Dal municipio concludono: "L’insistenza del comitato POP nel sostenere la richiesta di referendum ormai sta diventando stucchevole e ingannevole ed è portata avanti da persone completamente sprovvedute. Non si possono fare gli apprendisti stregoni su materie così complesse, oppure, peggio ancora, in malafede".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca