QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi -3°1° 
Domani -7°-2° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 25 febbraio 2018

Politica venerdì 09 febbraio 2018 ore 15:12

FdI sbianchetta il modulo, niente piazza

Simone Millozzi, sindaco di Pontedera

Il sindaco di Pontedera replica alle accuse: "Fratelli d'Italia, nel modulo di richiesta della piazza, ha sbianchettato le norme anti-fascismo"



PONTEDERA — Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, ha attaccato il Comune di Pontedera ( vedi articolo correlato ) accusandolo di avere negato il suolo pubblico per una manifestazione politica e chiedendo l'intervento delle più alte cariche dello Stato.

A stretto giro di posta è arrivata la replica del sindaco di Pontedera, che, preferendo non entrare nella vicenda politica, ha ricostruito i fatti.

Per Simone Millozzi "Non è il comune, ma la Questura che autorizza o nega una manifestazione politica. Nel caso in questione la manifestazione politica si è svolta regolarmente - ha spiegato Millozzi - Se oltre la manifestazione viene richiesta l'installazione di palchi, gazebo o pedane sul suolo pubblico è il comune tenuto a rilasciarne l'autorizzazione e le domande al Comune vanno presentate su un modello dedicato"

E qui viene il nocciolo della questione. Stando al racconto di Millozzi, ( che ha accluso anche la documentazione, come si vede dalla foto all'interno dell'articolo ) "Fratelli d'Italia ha presentato la richiesta su quell'apposito modello "sbianchettando" e cancellando la parte di una dichiarazione in cui si richiama il rispetto di “norme nazionali in vigore che vietano sia la ricostituzione del partito fascista che la propaganda di istigazione all’odio razziale”.

Solo a quel punto, sempre secondo la ricostruzione di Millozzi "Gli uffici hanno informato Fratelli d'Italia che la richiesta così artefatta è irricevibile".

"Alle grida ed alle rimostranze del segretario nazionale di Fratelli d'Italia non rispondo da sindaco - conclude Millozzi - perché dal punto di vista amministrativo non ho nulla da aggiungere". 

Da cittadino però una domanda, "non urlata ma garbata e cortese", Millozzi la rivolge a Giorgia Meloni: “Perché il suo partito si è così prodigato per alterare un modulo e toglierci una frase richiamante leggi nazionali che vietano la ricostituzione del partito fascista e l'istigazione all'odio razziale?”. La formulo più semplice la domanda: ”Fratelli d'Italia è d'accordo con la costituzione e leggi della Repubblica su questo tema?”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità