QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 22°32° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 30 agosto 2016

Politica sabato 23 gennaio 2016 ore 11:00

La Sinistra cambia e si presenta alla Valdera

Si terrà lunedì 25 gennaio nella saletta Carpi l'iniziativa di Sinistra Italiana. Ci saranno anche il deputato D'Attorre e Furfaro di Sel nazionale

PONTEDERA — Sinistra Italiana prende pian piano forma e come tutti i nuovi soggetti politici cerca di farsi conoscere ai cittadini. A Pontedera lo farà lunedì 25 gennaio alle 18,30 alla saletta Carpi in via Valtriani, dove si terrà un'iniziativa alla quale parteciperanno anche il deputato di Sinistra Italiana Alfredo D'Attorre e il membro del coordinamento nazionale di Sel Marco Furfaro.

"Si tratterà di un importante momento di confronto sul futuro e sulle prospettive, su quello che vuol dire essere di sinistra oggi - ha commentato il coordinatore di Sel Valdera Roberto Bongini -. Dopo la nascita dei gruppi parlamentari di Sinistra Italiana nello scorso novembre, il 19-20-21 febbraio a Roma lanceremo il nuovo partito della sinistra, inizieremo una campagna di ascolto e di pretesseramento che culminerà in autunno con il congresso fondativo vero e proprio".

"Sel si è da subito messa a disposizione di questo nuovo progetto politico - ha aggiunto il coordinatore provinciale di Sel Luca Panicucci -, quello che faremo sarà un partito di sinistra che saprà parlare a tutti i delusi dalle attuali politiche del Partito Democratico di Matteo Renzi. Una sinistra alternativa al renzismo ma non velleitaria e minoritaria. Non siamo la "cosa rossa" ma una sinistra seria, coerente e di governo, come dimostriamo nei molti comuni della nostra provincia dove i nostri eletti portano avanti uno straordinario lavoro amministrativo, cosa riconosciuta da tutti".

Per i referenti di Sel, il banco di prova principale sarà il referendum in programma ad autunno. "Saremo schierati per il no alla riforma costituzionale del governo - ha dichiarato Bongini - non si tratta di essere conservatori ma di difendere la qualità della nostra democrazia ed il pluralismo necessario alle nostre istituzioni".

Tag