QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 13°22° 
Domani 16°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 24 giugno 2018

Politica sabato 29 ottobre 2016 ore 14:00

Marconcini, critiche dai 5 stelle e da Puccinelli

Toncelli e Puccinelli

Gli esponenti del Movimento ne avevano chiesto le dimissioni in consiglio comunale. Il consigliere indipendente torna sul caso dell'auto blu



PONTEDERA — I Cinque stelle avevano parlato di Paolo Marconcini durante l'ultimo consiglio comunale: "Sappiano i cittadini che a Gello una centralina fissa non sarà installata - ha detto la consigliera Fabiola Toncelli - ed un'indagine epidemiologica mai verrà disposta non perché siamo certi della salubrità delle maleodoranze e della qualità dell'aria, ma perché non ci sono evidenze che provino il contrario. Sappiano i cittadini che il presidente di Geofor Marconcini, lautamente stipendiato col denaro pubblico, può fare il bello e il cattivo tempo senza rischiare assolutamente nulla".

"Complimenti alla pseudo sinistra pontederese - ha continuato Toncelli - per aver affossato perfino una mozione contro la violenza mediatica. Velleitario aver auspicato un richiamo, laddove dovesse ripetersi che un consigliere comunale sfoghi indecorosamente sui social il suo odio incontrollato e si permetta di utilizzare canali web per diffondere parole di odio e fomentare violenza nei confronti nostri, di fatto l'unica opposizione credibile ed in grado di contrastarli. E così, ben venga che ci sia augurata la morte, lodevole che un consigliere si permetta di insultare il nostro elettorato utilizzando epiteti irripetibili, tutto lecito... d'altro canto non lo ordina mica il dottore di votare Movimento 5 Stelle? Infine, nemmeno la promozione di eventi a costo zero (mostre fotografiche, concorsi a tema, campagne di sensibilizzazione negli istituti scolastici)al fine di prevenire e contrastare l'uso di sostanze alcoliche e stupefacenti, neppure questa politicamente innocua ma socialmente sensata mozione può ricevere il placet dell'integerrima maggioranza piddina che pur divisa in mille fazioni, si ricompatta in nome di una tanto sbandierata quanto fasulla superiorità morale che non le consente di avallare nemmeno le idee vincenti, le intuizioni più preziose, le proposte più vantaggiose, le soluzioni intelligenti se a proporle siamo noi, diretta emanazione di Belzebu".

Il consigliere della Lista civiva indipendente Alessandro Puccinelli ha detto: "Non si è ancora placata la polemica per la richiesta in consiglio comunale di dimissioni del presidente Geofor, Paolo Marconcini, che un nuovo fronte di demerito si apre. Il vizietto dell’auto blu non risparmia neppure il presidente di Geofor che, con la macchina pagata dai contribuenti di un’azienda pubblica, si reca in vacanza ad Amalfi. E non si tratta neppure della prima volta che l’auto blu crea problemi di coerenza ed imbarazzo all’ex sindaco Marconcini. Il nostro non è accanimento verso la persona ma un’oggettiva sottolineatura di mancanza di rigore e coerenza che non può e non deve essere sottaciuta. La presenza di Marconcini nel CdA Electrawinds (pale eoliche di Pontedera), da noi sollevata alcuni anni fa, fu evidenziata come inopportuna verso chi aveva determinato la concessione all’azienda durante il proprio mandato. La cancellazione delle convenzioni con i ristoratori, che avevano “semplicemente” detto la verità sulle maleodoranze nella zona industriale, è stata bollata come un atto di arroganza sfociato in una forte discussione consiliare". 

"Adesso il reiterarsi dell’uso sconveniente e, in questo caso, del tutto fuori luogo (e potenzialmente sanzionabile) dell’auto blu, dovrebbe far riflettere sull’imbarazzante atteggiamento di questa persona. Che la cosa sia grave è evidenziata dal fatto che vi sia stata l’acquisizione di documenti da parte della Procura della Repubblica, per il tramite della Polizia, e non da mera polemica politica. A questo punto auspichiamo che quel controllo tanto difficoltoso per noi, sia possibile da parte degli organi inquirenti. Verificare i consumi di carburante, gli accessi Telepass (con luoghi e motivazioni) ed eventuali rimborsi chilometrici ed a pié di lista, dovrebbero chiarire in modo puntuale ed inequivocabile se negli anni vi siano stati abusi e di che tipo". 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Spettacoli