QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 19°28° 
Domani 17°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 30 agosto 2016

Spettacoli lunedì 14 marzo 2016 ore 06:30

Risate amare e la crisi del '29

Foto di Marco Caselli (fonte ufficio stampa Teatro Era)

Mercoledì 16 marzo alle 21 va in scena 'Il prezzo'. Sul palco Umberto Orsini diretto da Massimo Popolizio. Tratto da un'opera di Arthur Miller

PONTEDERA — Nuovo appuntamento al Teatro Era con Il prezzo (The Price), tratto da un testo di Arthur Miller, poco frequentato in Italia. L’ultima volta in teatro risale alla fine degli anni sessanta con Raf Vallone. 

Orsini, che divide il palcoscenico con lo stesso Popolizio, Alvia Reale ed Elia Schilton, propone una riflessione sul problema sociale di un’economia basata sul profitto e sul prezzo da pagare per raggiungere i propri obiettivi. Ma nello stile di Miller, di cui ricorrono i dieci anni dalla scomparsa e i cento dalla nascita, nel suo mettere al centro il singolo e la propria famiglia in un sistema economico dominato dal guadagno a ogni costo. Il prezzo (The Price) è una commedia allo stesso tempo un dramma.

“Ne Il Prezzo - ha affermato Orsini - Miller fotografa con spietata lucidità e amara compassione le conseguenze della devastante crisi economica avvenuta negli Stati Uniti nel ’29. Figli di un padre che ha subito drammaticamente questa crisi, due fratelli si incontrano dopo alcuni anni dalla sua morte per sgomberare un appartamento in cui sono accumulati i mobili e gli oggetti raccolti dal genitore nel corso della sua vita e che sta per essere demolito. Un vecchio broker è chiamato per stabilirne il prezzo. Dietro questo semplice spunto emergono tutte le incomprensioni e le menzogne che la paura della perdita improvvisa del benessere possono esercitare su chi si dibatte nella crisi. Arthur Miller tratta questo tema con la sua consueta maestria, facendoci scoprire un capolavoro che, pur venendo da lontano, ci riporta ai nostri giorni così pieni di incertezze”.

Tag