QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 23°32° 
Domani 21°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 23 luglio 2016

Politica martedì 01 marzo 2016 ore 13:00

"Sull'Unione serve fare Politica"

Alessandro Puccinelli

L'esponente di Lista Civica Puccinelli commenta un recente articolo di QuiNewsValdera: "No decisioni di forza, ma risposte chiare ai cittadini"

PONTEDERA — Serve fare Politica, ma con la p maiuscola. Chiude così, in modo simile a un articolo d'approfondimento recentemente pubblicato su QuiNewsValdera, l'esponente della Lista Civica Alessandro Puccinelli la sua nota in merito alla situazione politica che sta attraversando l'Unione dei Comuni della Valdera.

Il consigliere comunale d'opposizione ritiene che la situazione evidenziata nell'articolo sia "estremamente reale ed oggettiva" e spiega il perché: "Rispetto ad altre forze di minoranza, una volta approfondita la conoscenza dell'Unione sia per il processo partecipativo Valdera 2020, sia per la nostra presenza di alcuni anni nel Consiglio dell'Unione - commenta Puccinelli - abbiamo sempre spronato il raggiungimento dei fini per cui l'Unione era nata: mettere in comune il più ampio numero di servizi garantendo un migliore uso del personale, delle risorse e contemporaneamente rappresentare un soggetto di maggior peso nel panorama politico-amministrativo della provincia prima e della regione poi".

Tema che Puccinelli avrebbe sollevato anche durante l'ultimo consiglio comunale di Pontedera in relazione al progetto di Piano Strutturale d'Area e la situazione di stallo attraversata dalla stessa Unione. "Negli anni - spiega l'esponente di Lista Civica - abbiamo sempre portato una seria e concreta critica nei confronti di un'Unione che non si è mai decisa a diventare grande ma che per tanti, troppi anni ha segnato il passo. Le perplessità ci sono da un po' da parte dei suoi aderenti di governo, sebbene taluni in modo più sotterraneo rispetto ad altri, solo che adesso i mal di pancia sono stati esternati perché non più procrastinabili".

E sulla eventuale colpa attribuibile ai comuni dell'Alta Valdera, Puccinelli riflette: "Se al tempo il Polo Alta Valdera ha deciso di confluire nell'Unione, crediamo vi fosse una prospettiva positiva su cui convergere. Ma è stato positivo liquidare i secessionisti senza che la discussione avvenisse in modo concreto, come chiesto da più parti e non solo dall'Alta Valdera? Se si va a cercare le responsabilità ancor prima di avere tentato le strade del dialogo e del confronto, pare proprio che la sorte dell'Unione rischi davvero di essere segnata. Sinceramente per chi, dalla parte della minoranza, ci aveva creduto sebbene con alcune critiche, dispiace. Come dispiace che non si sia arrivati ad un confronto su cui si comprendano bene le posizioni, magari facendole capire anche ai cittadini, e si affronti con oggettività il nodo arrivando ad un punto, positivo o negativo che sia".

Puccinelli poi ha qualcosa da dire anche al Pd provinciale: "Lascia stupefatti la sua debolezza che, invece di fungere da area di compensazione e dialogo, si ritrova ad inseguire le varie posizioni dei suoi sindaci senza la capacità di fare quella sintesi che spetterebbe al partito di governo dell'area".

E infine l'esponente di Lista Civica si lascia andare a due riflessioni. "La prima più pragmatica: cosa farne di spazi per una sede che rischia già ora di essere inutilizzata e di rappresentare uno spreco di soldi se l'Unione dimagrirà ulteriormente o, addirittura, chiuderà i battenti? Se Unicoop non sarà comprensiva, al di là del contratto di affitto in essere, potrebbero essere dolori finanziari. La seconda - continua Puccinelli - più strategica e relativa alle dinamiche amministrative, ovvero: quanto costerà tornare indietro dall'accorpamento dei servizi e, soprattutto, quale sarà il futuro di una Valdera potenzialmente divisa rispetto alle aggregazioni fortissime di città metropolitana (a Firenze si parla di fusione/assorbimento di ben 10 comuni del circondario) ed Area Vasta Pisana di cui si parla sempre più insistentemente?".

"A queste risposte - suggerisce in chiusura Puccinelli - sarà opportuno si pensi bene prima di procedere con decisioni avventate o prove di forza i cui effetti si ripercuoteranno, infine, sui cittadini. Infine, sempre pensando ai cittadini, non date risposte a noi ma a loro, che hanno dato il mandato politico per governare e per fare politica, quella politica in cui ci si confronta, magari aspramente, ma in modo chiaro e, soprattutto, concreto. Chiudiamo anche noi come l'articolo in apertura, aggiungendo però una maiuscola: serve fare Politica".

Tag