QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°31° 
Domani 19°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 18 agosto 2019

Attualità martedì 29 settembre 2015 ore 15:00

"Perchè la preside non viene mandata via?"

Foto d'archivio

Duro attacco dei genitori e della presidente del Consiglio di istituto Paola Salvini alla dirigente scolastica Angela Gadducci: "Manca organizzazione"



CASCIANA TERME LARI — Perché, dopo tutti i disagi dello scorso anno scolastico, non si può sollevare definitivamente da un incarico così importante questa dirigente scolastica?”.

Duro attacco di quella che si definisce “Tutta la Componente Genitori”(Alessandra Di Pascol, Claudia Magni, Steven Carlesso, Ferrucci Cristiano, Sauro Fabbri, Alfredo Villano, Lorenzo Tonanni) insieme alla presidente del Consiglio dell'istituto comprensivo di Casciana Terme Lari Paola Salvini alla dirigente scolastica Angela Gadducci: “Il 14 settembre sono riaperte le scuole nel nostro Istituto Comprensivo e, come ogni anno, i nostri figli si affacciano alle porte con quella trepidazione tipica dell’età. Noi genitori li accompagniamo con meno incanto e ci auguriamo che ci sia perlomeno risparmiata la possibile sciagura di un insegnante meno simpatico o di un dirigente di discutibile professionalità. Attraversiamo un periodo in cui - in nome di un'errata economia - si tagliano risorse laddove dovrebbero essere potenziate e si destinano invece dove dovremmo dare un taglio netto”.

Dopo la premessa iniziano le critiche verso la dirigente Gadducci: “Con questo incipit dobbiamo rilevare, nel nostro Comune e in quello di Chianni, l’ operato della dirigente che - o per un capriccio, o per una malsana voglia di protagonismo - preferisce le passeggiate degli "open day" al partecipare all’ultima seduta del Consiglio d’Istituto dalla stessa sollecitata in cui si sarebbe dovuto approvare l’orario di funzionamento dei vari plessi scolastici per garantire il regolare svolgere delle lezioni. Di conseguenza, nonostante le riunioni fatte in precedenza con il sindaco, l’assessore alla scuola e tutti gli organi competenti dei due Comuni per pianificare e organizzare il nuovo anno scolastico, ci troviamo - a settembre all’apertura dell'anno - senza orari di funzionamento e senza un minimo di organizzazione generale”.

Questi i quesiti posti dai genitori:

- “Perché, dopo tutti i disagi dello scorso anno scolastico, non si può sollevare definitivamente da un incarico così importante questa dirigente scolastica?”

- “Perché questa dirigente è stata trasferita al nostro istituto comprensivo di “soli” 1200 utenti escluso personale docente e Ata? Gli uffici regionali del Miur e gli Istituti Superiori della nostra zona ne conoscono molto bene il modus operandi: si è voluto forse limitarne le possibili ripercussioni negative, incaricandola di dirigere un istituto più piccolo?”

- “Perché il direttore regionale del Miur ha preferito ignorare i genitori che a lui si sono rivolti motivati dal comportamento della Dirigente e, carichi di aspettative per una positiva soluzione costringendoli a ritornare sui giornali con una pubblicità che la nostra comunità non merita?”

Confidiamo in risposte esaustive ai nostri interrogativi – concludono - ma soprattutto vogliamo la rapida soluzione di questa assurda situazione le cui spese sono pagate solo dai nostri figli. Non vorremmo dover continuare con manifestazioni e proteste incisive che sicuramente farebbero solo danni ai nostri ragazzi e all'immagine della nostra scuola”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca