QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 20°32° 
Domani 20°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 24 agosto 2016

Attualità mercoledì 23 marzo 2016 ore 12:45

Il primo robot flessibile è made in Pontedera

Lo strumento che si allunga e si curva per evitare ostacoli ideato dall'Iit e dalla Scuola Superiore Sant'Anna si applicherà in medicina e spazio

PONTEDERA — E' pontederese il primo brevetto al mondo di un robot flessibile. L'apparecchio, da impiegare nel campo della chirurgia o nello spazio, è stato ideato dai ricercatori del centro di microbiorobotica dell’Iit e da quelli dell’istituto di biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna che hanno sede lungo il viale Piaggio.

Dalla forma che richiama quella di un serpente, questo particolare robot è composto da due strutture "intrecciate" che gli permettono di allungarsi e curvarsi evitando con precisione ogni ostacolo. Questa fisionomia gli permette, in medicina, di raggiungere un bersaglio preciso all'interno del corpo umano senza danneggiare nulla; e nello spazio, di riparare satelliti o strutture altrimenti inaccessibili.

Descritto sulla rivista Plos One, il robot è stato ottenuto dalla ricerca coordinata da Edoardo Sinibaldi dell'Istituto Italiano di Tecnologia di Genova e condotta in collaborazione con la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa.

La particolarità unica di questo robot è di costruire da solo la sua guida senza supporti esterni ma semplicemente avanzando. "Siamo partiti da uno studio teorico e la configurazione “intrecciata” emersa come possibile soluzione al problema è assolutamente innovativa - ha raccontato Sinibaldi - È il frutto di un lavoro lungo e articolato, in cui abbiamo saputo integrare e valorizzare le nostre competenze e l’anima multiculturale del nostro team di ricerca".

Tag