QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 19°21° 
Domani 18°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 28 maggio 2018

Attualità giovedì 23 aprile 2015 ore 18:05

Meningococco, via alle vaccinazioni

Parte anche a Pisa e Pontedera la campagna straordinaria di prevenzione. Si inizia lunedì 28 aprile fino a data da destinarsi



PISA — Come in tutta la Toscana, anche nel territorio della Asl 5, da lunedì 28 aprile parte la campagna straordinaria di vaccinazione contro il meningococco C

Nelle strutture della Asl verranno vaccinati i ragazzi dagli 11 ai 14 anni, circa 11.800 persone, mentre per quando riguarda la fascia di età dai 14 ai 20 anni la Asl 5 sta prendendo contatto con i medici di famiglia per la presa in carico di questa fascia di popolazione. Il piano straordinario prevede l’apertura di più ambulatori ad accesso diretto (non è necessario prenotare), dislocati a Pontedera e a Pisa.

A Pisa ci si potrà vaccinare al Dipartimento di Prevenzione in galleria Gerace (di fronte all’Agenzia delle Entrate), dove sono attivi 2 ambulatori dalle 8,30 alle 12 dal lunedì al venerdì; 3 ambulatori dalle 14,30 alle 18 (lunedì – mercoledì e venerdì) e 5 ambulatori il sabato dalle 8,30 alle 12. Sempre a Pisa , nel distretto di San Marco saranno aperti 3 ambulatori il martedì dalle 14,30 alle 18 e il sabato dalle 8,30 alle 12.

A Pontedera il vaccino sarà somministrato al Dipartimento di Prevenzione in via Mattei, dal lunedì al venerdì, dalle 14,30 alle 18 (3 ambulatori) e il sabato dalle 8,30 alle 12 (3 ambulatori).

Il richiamo va effettuato anche da parte di coloro che hanno eseguito una prima dose nell’infanzia.

La Asl 5 invita i genitori o i ragazzi di presentarsi all’ambulatorio muniti del libretto vaccinale per l’esecuzione della dose di vaccino antimeningococcico tetravalente.

Nel caso dei minori, qualora il genitore non potesse accompagnare il figlio per la vaccinazione, è possibile delegare un’altra persona (che deve presentare delega scritta e fotocopia del documento d’identità del delegante e del delegato).

La malattia meningococcica, ricorda la Asl, è una delle principali cause di meningite batterica, un’infezione delle meningi, le membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale, e di setticemia, un’infezione del sangue. La malattia meningococcica può avere una progressione rapida.

"Il vaccino -assicura l'azienda- può dare ma solo raramente effetti collaterali locali con comparsa di dolore, gonfiore e rossore nella sede di iniezione o piccoli sintomi come la cefalea, nausea, mialgia, artralgia e qualche linea di febbre di breve durata. Questa vaccinazione, come le altre, deve essere rimandata in presenza di malattie febbrili ed è controindicata in chi ha manifestato in precedenza fenomeni allergici verso i componenti del vaccino".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca