QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°12° 
Domani 13°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 23 maggio 2018

Politica sabato 12 maggio 2018 ore 18:05

Gestione ipogei etruschi, l'opposizione incalza

Gli ipogei etruschi di Terricciola

La consigliera Baldini Orlandini interroga la sindaca sullo stato di degrado in cui versano i siti archeologici etruschi del territorio



TERRICCIOLA — Punti interrogativi a non finire nelle considerazioni della consigliera Elena Baldini Orlandini, in merito alla gestione degli ipogei etruschi, finiti al centro delle schermaglie politiche dopo che si è scoperto lo stato di degrado e abbandono in cui versano. Baldini Olrandini si rivolge direttamente alla prima cittadina Maria Antonietta Fais, chiedendole di chiarezza sulla questione. Di seguito l'intervento della consigliera di minoranza.

"Tenuto conto che i problemi esterni dell’ipogeo del Cassero di Terricciola, di proprietà della parrocchia, sono stati definitivamente risolti nel 2005 con un oneroso intervento finanziato in parte anche dalle istituzioni pubbliche, perché il sindaco di Terricciola invece che occuparsi di un bene privato, come l'ipogeo del Cassero, non si occupa di un bene comunale come l'ipogeo del Belvedere? Questo ipogeo infatti, dal 2014 ad oggi ha subito un sostanziale abbandono e una quasi mancanza di gestione, senza manutenzioni di sorta e apparati che potessero implementarne la maggiore fruizione. 

Sull’ipogeo del Belvedere, inoltre, personalmente in passato ho presentato un’interrogazione in consiglio comunale, con risposta notevolmente tardiva, tanto da costringermi a rivolgermi al Prefetto, per segnalare l’atteggiamento e il silenzio dell’amministrazione. Perché da più di un mese e mezzo il sindaco non risponde in merito a questa situazione? Perché salvo tagliare l'erba all'ingresso tutto è rimasto come prima? Ma soprattutto perché il Comune non rende note le reali intenzioni di gestione che si vogliono adottare? 

La soprintendenza è a conoscenza della mancata custodia del sito archeologico per più giorni nel mese di aprile, che ha esposto l’ipogeo a un rischio serio e concreto di danneggiamento e furto da parte di chiunque, considerata l’assenza del lucchetto alla porta d’ingresso? Perché non si è mai intrapreso un percorso serio di valorizzazione di uno dei luoghi più ricchi di storia del territorio? 

Una risposta del sindaco non sarebbe una risposta all’opposizione comunale. Ma a tutti i cittadini. Questa non è una battaglia politica, ma un tema culturale che deve essere risolto per il bene del paese di Terricciola e per il suo tessuto economico e sociale, che sicuramente trarrebbe giovamento dall’apertura degli ipogei e quindi dalla creazione di un percorso e di un’attrazione turistica unici in Valdera". 

Elena Baldini Orlandini, consigliere comunale opposizione di Terricciola



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità