QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 20°36° 
Domani 20°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 24 agosto 2016

Politica domenica 20 marzo 2016 ore 18:30

Unioni e fusioni, parla l'assessore regionale

Vittorio Bugli

Nostra intervista a Bugli: "Non è auspicabile che ci sia una frattura ma probabilmente qualcosa da rivedere all’interno dell'unione Valdera c’è"

PONTEDERA — Un riassetto istituzionale da rivedere a tutti i livelli, facilitando anche dal punto di vista normativo i processi di accorpamento sia laddove esistano già contenitori come le unioni, sia in territori intenzionati a intraprendere direttamente la strada delle fusioni. Ecco, dalle parole dell'assessore regionale delegato ai rapporti con gli enti locali Vittorio Bugli, qual è lo scenario attuale e quali gli indirizzi politici e normativi che la Regione sta disegnando al riguardo.

Assessore, attraverso i suoi atti, come si sta muovendo la Regione per razionalizzare gli enti?
Stiamo da tempo attuando, ed è necessario fornirne sempre di più, incentivi su unioni e fusioni dei Comuni. Sulle prime però occorre fare una riflessione attenta, trovare la giusta misura, tener di conto di chi si è già costituito ma anche chi vorrebbe frammentarsi, per forza non si fa nemmeno l’aceto.

Cosa intende?
I singoli comuni devono sentirsi a loro agio nelle unioni. L’esperienza dimostra che quella realtà funziona se è davvero un’unione, se i servizi sono davvero gestiti in maniera unita: la polizia municipale, ad esempio, non può essere a livello di unione ma poi conservare cariche e funzionamenti doppioni. Certamente l’unione in sé deve essere considerata – e probabilmente lo sarà anche nella nuova normativa – strumento di passaggio intermedio verso le fusioni. Per questo i singoli comuni è bene che si sentano parte dell’unione in cui si trovano.

In senso più pratico, quali politiche metterà in atto la Regione?
La prospettiva, in generale, è di aumentare gli incentivi. Abbiamo ampliato a 5 milioni di euro il fondo dedicato ai Comuni che scelgono di fondersi, ma mentre ora ai territori che intraprendono questa strada arriva più o meno la stessa cifra di 250mila euro, sarebbe forse auspicabile che l’incentivo economico venisse ridistribuito in modo più diversificato a seconda del numero di abitanti o della posizione territoriale.
Inoltre, a mio parere, il meccanismo di incentivazione verso le fusioni non deve essere solo di tipo economico. Un altro tipo potrebbe essere quello di assegnare un certo punteggio a chi sceglie questa strada per poter rientrare in qualche bando legato a lavori pubblici, scuola o altro.

Sempre a livello di riassetto territoriale, cosa si vorrebbe arrivare a ottenere?
Dopo la chiusura delle Province e la ridistribuzione dei suoi ambiti, un obiettivo è quello di avvicinare di più la Regione ai territori, ridefinendo su questi delle zone con cui interloquire direttamente. Ad ora, queste zone corrispondono a grandi linee con quelle socio-sanitarie e sono circa 32. Dovremmo invece scendere a una venticinquina e instaurare con questo minor numero di zone un confronto costante su politiche di area vasta, prima attraverso revisioni strutturali (unioni e fusioni), poi sulla pianificazione urbanistica che ha sempre meno senso fatta ogni singolo comune da solo e su un unico piano strutturale.

Tornando ai percorsi di fusione, cosa può dirci riguardo la partecipazione dei cittadini? Cambierà qualcosa per i referendum nella nuova normativa?
Abbiamo visto negli anni che laddove gli amministratori hanno coinvolto la popolazione, il processo è stato compreso e condiviso. Alcune cose legate all’iniziativa popolare e ai referendum probabilmente cambieranno, sono argomento di competenza del consiglio regionale e sono oggetto di riflessione proprio in queste settimane. Occorrerà individuare meccanismi che mettano in equilibrio la volontà dei cittadini, la salvaguardia dei piccoli comuni, la spinta verso gli accorpamenti.

In Valdera, dopo mesi di discussioni, quattro Comuni hanno annunciato nei giorni scorsi che usciranno dall'attuale Unione per fondarne un'altra da sola. Cosa ne pensa?
Ottimale per la Regione, come ho detto, sarebbe dialogare con un’unica zona e quindi non è auspicabile che ci sia una frattura. Prima di andare ad una divisione forse è utile valutare da un lato fino in fondo una possibile modifica dello statuto che possa rafforzare l'unità dei quattro comuni e dall'altro andare a rivedere ciò che non va all'interno dall'attuale unione. E' possibile rafforzare i piccoli comuni senza per forza annullare tutta l’unione. Se questa minoranza di territori sta arrivando a questo punto, probabilmente qualcosa da rivedere all’interno dell'Unione Valdera c’è.

Cosa si augura che accada a livello politico nel breve tempo?
In generale su questi argomenti, e quindi anche su questo particolare caso, è vitale aprire un dibattito, dialogare, confrontarsi. La Regione stessa, oltre a spingere i comuni verso le fusioni, dovrà essere in grado lei stessa a guardare in questa direzione che formi una maxi area del centro Italia sullo stampo delle grandi regioni europee.

Irene Bauci

Tag