QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 10°13° 
Domani 13°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 21 settembre 2019

Cronaca sabato 06 luglio 2013 ore 09:25

Il Dna inchioda un giovane rapinatore, arrestato



Il 19enne di Pontedera maltrattò e derubò una donna insieme ad altri due complici l’estate scorsa. La polizia scinetifica ha trovato riscontro sui mozziconi delle sigarette Pontedera – La prova del Dna lo ha inchiodato e gli è costata l’arresto. Si tratta di un 19enne di Pontedera, P.G. le sue iniziali, che l’estate scorsa insieme ad altri 3 complici, dopo essersi spacciati per addetti a volantini pubblicitari per fare un sopralluogo sul posto, irruppe nella villetta di una donna di 67 anni di Pontedera. I tre, dopo aver immobilizzato, picchiato e minacciato la donna riuscirono a rubarle più di 5mila euro in contanti e il libretto postale. Soddisfatti del bottino poi si misero a fumare sigarette all’interno della villetta. Proprio grazie alle analisi della Scientifica sui mozziconi rinvenuti nell’abitazione e una sommaria descrizione dei tre rapinatori da parte della vittima, la polizia di Pisa ha trovato riscontro con il 19enne di Pontedera, già noto alle forze dell’ordine perché ex appartenente a una baby-gang. Nei confronti del giovane rapinatore che è risultato positivo all’accertamento del Dna sui mozziconi è subito scattata un’ordinanza cautelare in carcere. Il 19enne pontederese è stato quindi arrestato e condotto in carcere, mentre nei confronti degli altri due complici sono in corso ulteriori indagini.


Tag

«Rilanciamo il turismo con le donne in vetrina», la proposta del consigliere regionale leghista toscano che indigna

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Politica

Attualità

Attualità