Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:18 METEO:PONTEDERA18°32°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 21 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Italia-Galles: la giornalista Rai del Tg1 travolta dall'entusiasmo dei tifosi

Politica lunedì 03 giugno 2013 ore 15:15

Imu, chi “concorda” spende meno



Il Comune di Pontedera e Casa Valdera hanno presentato le nuove tabelle dei contratti a canone concordato Pontedera – Concordare conviene, soprattutto se si parla di affitti. Chi seguirà le nuove tabelle dei contratti a canone concordato riviste la scorsa settimana dalle associazioni dei proprietari immobiliari e degli inquilini a livello provinciale e depositate questa mattina nel Comune di Pontedera avrà un consistente sgravio sull’Imu. “L’accordo – ha spiegato l’assessore Marco Cecchi – vuol essere uno degli strumenti con i quali si cerca di attenuare il disagio abitativo. A costo di sacrificare una parte delle entrate Imu nelle casse del Comune, si vuole allargare il mercato immobiliare alle abitazioni attualmente sfitte ed ottenere affitti più bassi e accessibili”. Secondo l’accordo infatti, l’Imu sugli affitti a canone concordato rimane al 4 per mille (per le case sfitte l’imposta tocca il 10 per mille) e il canone varia a seconda di territorio, classificazione, superficie e pertinenze dell’immobile, durata del contratto e valutazione del mercato immobiliare. Visto lo sviluppo edilizio avvenuto negli ultimi anni, il territorio comunale è stato suddiviso in 4 zone: (A) Pontedera capoluogo, (B) Chiesino, S.Lucia, Romito, La Rotta, Pietroconti, La Borra, (C) Montecastello, Treggiaia, La Bianca, Gello, Pardossi, (D) pianure, colline e parte agricola. In 3 tipologie sono stati suddivisi anche gli appartamenti: tipo A, B, C. Il costo del canone di locazione al metro quadro sulla base delle tabelle concordate, è determinato sulla base della zona in cui sorge l'immobile e oscilla da un valore mensile minimo a uno massimo. A seconda della superficie si applicherà quindi un coefficiente correttivo che va da 1,20 per gli appartamenti fino a 45 metri quadri a 0,90 per gli immobili di oltre 110 metri quadri. I valori dei coefficienti diminuiscono con l’aumentare della superficie dell'immobile. L'obiettivo del comune è incentivare l’affitto di locali più grandi. Una normativa complessa che Casa Valdera, associazione di promozione sociale con sede all’Unione, è pronta a chiarire con apposite simulazioni a chiunque sia interessato: “Secondo le nuove tabelle – ha spiegato la coordinatrice Giovanna Bianucci – ad esempio, un normale appartamento di tipo B di 70 metri quadri che ha meno di 25 anni, a Pontedera avrà un affitto che oscilla fra 443 e 500 euro. Uno sgravio consistente che va in contro a una fascia di popolazione in forte difficoltà”. Dato che lo scorso anno il Comune di Pontedera ha registrato solamente una decina di questa tipologia di contratti, probabilmente a causa di un meccanismo non abbastanza efficiente, quest’anno l’amministrazione ha deciso di rivedere quest’importante strumento per l’accesso agli affitti: “I contratti a canone concordato – ha detto il sindaco Simone Millozzi – sono fondamentali per le politiche abitative in quanto consentono affitti calmierati per gli inquilini e tutele per i proprietari. Un sostegno sociale da un lato e un vantaggio economico dall’altro”.
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tre i Comuni attorno a Pontedera in cui, nelle ultime 24 ore, la Ausl Toscana nord ovest ha accertato nuove positività al virus
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Enzo Caponi

Domenica 20 Giugno 2021
Onoranze funebri
PUBBLICA ASSISTENZA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS