QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 13°19° 
Domani 16°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 15 luglio 2019

Attualità venerdì 31 maggio 2013 ore 14:50

Ius Soli: il Parlamento degli studenti recepisce le proposte della Valdera



Avviata una raccolta firme per il diritto di cittadinanza. Sul tema iniziative di sensibilizzazione nelle scuole Pontedera – Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali di fronte alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Si avvalgono dell’articolo 3 della Costituzione italiana i ragazzi della V commissione del Parlamento degli studenti, per parlare di immigrazione e di diritti umani. Tra gli argomenti trattati quest’anno dall'organo studentesco c’è anche lo Ius Soli, il riconoscimento della cittadinanza per i bambini figli di stranieri nati in Italia, affrontato con la consegna di una cittadinaza simbolica dal Comune di Pontedera prima e di recente anche dall’Unione dei Comuni della Valdera. “La Toscana è da sempre terra di immigrazione – dice Michele Fatticcioni, giovane parlamentare che frequenta l’Istituto Santoni di Pisa e che abita a Casciana Terme – non a caso un provvedimento come il riconoscimento della cittadinanza onoraria ai figli di stranieri arriva dalla Valdera. Questo è il simbolo di un mondo che si muove, che evolve, che riconosce l’uguaglianza e la dignità tra le persone”. Per l’estensione dello Ius Soli anche ad altre realtà territoriale, i giovani parlamentari hanno promosso un’attività di confronto e di sensibilizzazione che si è concretizzata in una raccolta firme negli istituti scolastici della Toscana. Le firme raccolte sono circa 700 e sono frutto di un’iniziativa nata sull’esempio della campagna di diritti L’Italia sono anch’io, promossa dalla Regione Toscana. “Girando tra le scuole – racconta Roberta Cellura, membro della V commissione e studentessa dell’Istituto XXV Aprile di Pontedera – ci siamo resi conto che purtroppo tra i giovani c’è ancora molto pregiudizio. Per assurdo siamo riusciti nel nostro intento di sensibilizzazione più con i ragazzi del biennio che con quelli di quarta e di quinta. Questo è un dato sicuramente allarmante, perché dimostra che sul tema c’è ancora tanta, troppa, ignoranza”. L’impegno della commissione resta comunque alto e mira ad andare oltre i banchi di scuola, nella speranza che la revisione della legge sul diritto di cittadinanza sia percepita come priorità anche dal Parlamento, questa volta quello della Repubblica italiana.


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Lavoro

Sport