QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°17° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 12 novembre 2019

Attualità mercoledì 22 maggio 2013 ore 18:45

Valdera, terra di antimafia



La Carovana Antimafie fa tappa a Pontedera. All’Agorà una conferenza sul progetto dei campi della legalità in Campania Pontedera – “La Toscana non sarà terra di mafia, ma in molti territori, ambienti e contesti è presente eccome”. Hanno risposto così i “carovanieri” alla domanda degli alunni della scuola media Pacinotti che chiedevano perché portare la Carovana Antimafie in Toscana e anche in Valdera. “Questa manifestazione nazionale itinerante – ha detto Sara Bandecchi di Arci Legalità Valdera – è l’occasione per aprire gli occhi sulla realtà dei nostri luoghi, in cui le mafie non hanno un radicamento territoriale ma arrivano con i loro soldi, i loro affari e le loro logiche. Una piaga che si può sconfiggere solo mantenendo alta la guardia”. E un modo per farlo sono sicuramente i campi della legalità, sostenuti da associazioni come Arci, Libera, Cgil, Auser e altre, che permettono a chiunque voglia di toccare con mano la quotidianità delle cooperative che gestiscono i beni confiscati alle mafie. “Il problema non è quando accadono vandalismi sulle nostre colture, quando qualcuno coglie le fragole prima di noi o ruba il nostro impianto di irrigazione”, ha detto il presidente dell’associazione Nero e Non Solo di Caserta, Aniello Zerillo durante la sosta della Carovana al cineclub Agorà. “La nostra più grande paura è quella di essere lasciati da soli a lottare contro questo sistema – ha continuato Zerrillo – ma se con noi c’è qualcuno che sostiene il progetto, viene nelle nostre terre e lavora con noi, siamo più forti. Per questo è importante il rapporto instaurato con la Toscana e con la Valdera”. Un legame che non solo deve continuare, ma farsi più forte per contrastare qualsiasi ipotesi di indebolimento della normativa nazionale in materia di confische e riutilizzo di beni tolti alle mafie. Un messaggio che diventa particolarmente importante il giorno dopo che a Roma, in Parlamento un deputato del Pdl ha proposto di "ammorbidire" la legge che punisce il concorso esterno in associazione mafiosa. I carovanieri non hanno direttamente affrontato questo tema, ma le loro parole contengono ugualmente una risposta esplicita a comiciare dalla legge sui beni confiscati. “Non si può pensare di modificare la legge La Torre e vendere o mettere all’asta i terreni confiscati – ha detto Zerillo – ciò significherebbe solo riconsegnarli alle associazioni mafiose, le uniche che hanno la liquidità per poterseli riprendere”.


Tag

Maltempo, fiumi di fango per le strade di Matera

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità