QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°16° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 20 novembre 2019

Spettacoli martedì 24 marzo 2015 ore 10:00

​Al Teatro Era va in scena la crisi economica

Gli apprezzati Deflorian e Tagliarini portano sul palco lo spettacolo “Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni”



PONTEDERA — Mercoledì 25 marzo alle 21 al Teatro Era, arrivano Daria Deflorian e Antonio Tagliarini con lo spettacolo Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni.

I due artisti, molto apprezzati nel panorama nazionale e recentemente premiati con l’Ubu per la migliore novità italiana/ricerca drammaturgica, portano in scena questo particolare progetto teatrale che parte da un’immagine forte tratta dalle pagine iniziali del romanzo “L’esattore” dello scrittore greco Petros Markaris, scritto nel 2011.

Siamo nel pieno della crisi economica greca quando vengono trovate le salme di quattro donne, pensionate, che si sono tolte volontariamente la vita, dopo aver lasciato spiegato in un biglietto: “Abbiamo capito che siamo di peso allo Stato, ai medici, ai farmacisti e a tutta la società. Quindi ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni. Risparmierete sulle nostre pensioni e vivrete meglio”.

“La scena raccontata da Markaris – affermano Deflorian e Tagliarini – ci ha fatto riflettere sul suicidio non come gesto esistenziale ma come atto politico estremo. Non un racconto, né un resoconto, ma un percorso dentro e fuori queste quattro figure di cui non si sa nulla se non la tragica fine. Un percorso fatto di domande e questioni che sono le loro, ma sono soprattutto le nostre. Usiamo lo spazio di libertà della scena per scatenare la nostra collera, sanare l’eccesso di positività che ci circonda, i comportamenti rigidamente politically correct, la commozione facile, il sorriso stereotipato delle relazioni sociali, le ricette per vivere con serenità le ingiustizie che ci toccano. Un gioco performativo che via via durante il lavoro diventa sempre più serio e definitivo. Non è solo la questione della rappresentazione a scricchiolare, ma ancora di più la nostra capacità di persone in scena di fronte ad altre persone sedute di fronte a noi di trovare una risposta costruttiva allo sfacelo prima di tutto morale che ci circonda. Incapaci, impotenti. Ma consapevoli di questo”.



Tag

Un'alleanza con Salvini? Ecco cosa ha risposto Matteo Renzi

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Attualità

Attualità