QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 10°18° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 12 novembre 2019

Cronaca venerdì 14 giugno 2019 ore 17:30

Ragazzina scappa di casa, ricerche a lieto fine

Scattato l'allarme, fondamentale è stata, per ritrovarla, la collaborazione di un amico con gli agenti del commissariato di Pontedera



CASTELFRANCO DI SOTTO — Era già tarda sera quando ieri, al commissariato di polizia di Pontedera, è arrivata la segnalazione della scomparsa di una ragazzina di 16 anni. A telefonare i genitori, residenti a Castelfranco di Sotto, che hanno raccontato dell'allontanamento della figlia avvenuto nel pomeriggio per dissidi familiari, con interruzione di ogni contatto.

Immediatamente sono state attivate le prime ricerche, invitando i genitori a ritornare in mattinata in Commissariato per formalizzare la denuncia di allontanamento della minorenne. Nel frattempo è stata data immediata notizia anche alla Prefettura di Pisa affinché predisponesse il dispositivo di ricerca, di prassi in questi casi, composto da Protezione Civile, volontariato, Forze dell’Ordine, unità cinofile, anche se, fortunatamente, alla fine non è stato necessario attivarlo materialmente, poiché, nel frattempo, scavando a fondo nelle amicizie della minorenne e prendendo contatti con alcuni selezionati conoscenti della ragazza, gli investigatori sono riusciti a trovare ed ottenere la collaborazione di un amico della stessa affinché si informasse sull’esatta ubicazione della ragazza.

L’amico, a seguito di pressanti insistenze, alla fine è riuscito ad apprendere dalla ragazza di trovarsi in una casa vacanze situata sul Monte Serra, accettando anche di incontrarlo.

Avuta la posizione geografica, i Poliziotti insieme all’amico della ragazza si sono recati immediatamente sul luogo indicato, trovandola sorridente ed in perfette condizioni fisiche.

La ragazza è stata quindi accompagnata al commissariato di Pontedera, dove ad attenderla c’erano i genitori, giustificando il proprio allontanamento con incomprensioni dovute all’altalenante rendimento scolastico, connesso al difficile rapporto con i genitori, scaturente comunque da motivazioni connesse all’età adolescenziale.

Terminate le incombenze burocratiche, la ragazza è stata affidata ai familiari per far rientro a casa.



Tag

#Theblackout, la campagna contro l'alcol alla guida: «Ecco come ho ucciso il mio miglior amico»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità