QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 13 dicembre 2019

Attualità lunedì 17 aprile 2017 ore 15:04

Il passato ritorna proiettato in 3D

Tramite una proiezione interattiva sarà possibile immergersi nella ricostruzione virtuale del paesaggio storico e archeologico di Santa Maria a Monte



S. MARIA A MONTE — Nell’ambito del Festival d’Europa si terrà un altro importante appuntamento culturale con la presentazione dell’applicazione multimediale in 3D realizzata dalla Scuola Normale Superiore di Pisa e dal Comune insieme alla Soprintendenza. Lunedì 17 aprile, alle 15,30, la proiezione dell’anteprima si terrà al Museo Civico Beata Diana Giuntini, nella saletta del piano ammezzato.

La proiezione verrà replicata martedì 18.

L’applicazione, a cui potranno partecipare massimo 5 persone per volta, ha una durata di circa 3-4 minuti. Tramite la proiezione 3d interattiva sarà possibile immergersi nella ricostruzione virtuale del paesaggio storico archeologico del territorio di Santa Maria a Monte. Sono rappresentate le tre fasi principali dello sviluppo dell'insediamento di S. Ippolito: in età augustea Arno e Arme-Usciana segnano i limiti del paesaggio centuriato, al cui interno è inserito il sito produttivo di Anniano.

Gli assi centuriali delimitano i campi coltivati e sul fiume si sviluppa una vivace attività di scambi. In età tardo-imperiale, in questo paesaggio a vocazione agricola, sorge una chiesa a navata unica circondata da un piccolo abitato. Tra il VI e VII secolo, all'interno di un paesaggio che ormai ha perso le caratteristiche e l'organizzazione proprie dell'età romana, la chiesa viene ampiamente rimaneggiata e ingrandita e diventa il fulcro del popolamento della zona, come indica anche la presenza di un esteso cimitero.

In età longobarda sul punto più alto del rilievo di S. Maria a Monte viene realizzato un piccolo oratorio circondato da un abitato che segna la nascita del futuro centro medievale.

Il 17 e 18 aprile saranno molte le proposte volte alla riscoperta e alla valorizzazione delle bellezze architettoniche, paesaggistiche e culturali del borgo di Santa Maria a Monte. 

In particolare, al piano terra del Museo Casa Carducci si terrà la mostra del pittore spagnolo Waldi Wrobel. Un artista particolare, che produce opere utilizzando diversi linguaggi artistici e spaziando dalla pittura, alla scultura, al disegno ai graffiti

Inoltre, dalle 15 alle 19, sempre al Museo Casa Carducci, si terranno visite animate gratuite in compagnia dello stesso poeta Carducci a cura dell’associazione City Gran Tour.

In occasione del Festival d’Europa per le strade del paese si terrà l’appuntamento con “Borgo antico”, il mercatino che si tiene ogni terza domenica di ogni mese a Santa Maria a Monte e che per questo evento si concentrerà sulla parte artigianale.



Tag

Si assentava dal posto di lavoro, arrestato il sindaco di Scalea

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cultura

Attualità

Attualità