QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°18° 
Domani 16°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 15 ottobre 2019

Sport lunedì 11 maggio 2015 ore 18:30

​Granata, stagione positiva con qualche pecca

Il bilancio del secondo campionato di terza serie professionistica fra gioie, delusioni e futuro. Le pagelle prima delle vacanze e del calcio mercato



PONTEDERA — Prima di lasciare il campo alle vacanze e al calcio mercato, che sarà molto intenso in uscita ed entrata perché si prevede il ricambio di tre quarti di squadra, con l'uscita dei migliori per far cassa e dei prestiti non tutti convincenti, s'impone un bilancio sul secondo campionato di terza serie professionistica del Pontedera.

Bilancio positivo perché l'obiettivo della salvezza è stato conquistato, ma con qualche pecca soprattutto finale, quando non c'erano più vere motivazioni. Gioie e doloretti, dunque, da esaminare per capitoli e relativi voti.

LA GIOIA principale ed essenziale del Pontedera stagione 2014-15 è stata dunque salvezza arrivata già a quasi 10 partite dalla fine, mentre altre formazioni toscane hanno dovuto soffrire e combattere fino all'ultimo, o quasi. All'inizio, tutti, società e tifosi, avrebbero firmato per un risultato del genere. Voto: 8.

LA DELUSIONE più grossa è venuta dalla doppia sconfitta col Tuttocuoio - arrivato davanti ai granata di 2 punti - autoproclamatosi re del Mannucci in barba a tutte le previsione che volevano la società di Ponte a Egola svantaggiata dal fatto di allenarsi sul suo campo erboso e di giocare invece sul più veloce sintetico. Forse nei due derby ha pesato l'"obbligo" della vittoria per per il Pontedera, ovvero l'effetto opposto dei derby col Pisa. Ma, insomma, queste due sconfitte hanno pesato anche moralmente. Voto: 4.

L'ORGOGLIO è d'aver conservato anche stavolta l'imbattibilità col Pisa. Due pareggi in campionato e vittoria in Coppa che allungano la serie positiva aperta già l'anno scorso e che aveva qualche prevedente anche nel passato. Voto: 8.

I TOP Fino a marzo non sono state poche le belle prove del Pontedera, che a un certo punto faceva paura a tutti anche se a gennaio erano partiti Gigio Grassi e Andrea Caponi. Ma le partite top sono state la vittoria con l'Ancona e il pareggio contro la capolista Ascoli che al Mannucci finì col pensare soltanto a buttare i palloni in tribuna. Voto: 8.

I REPARTI Calcolando le due fasi del campionato (ed escludendo il grigio finale), la prima con Grassi, Caponi e altri, e la seconda con altri giocatori arrivati soprattutto in prestito, la palma del reparto migliore va alla difesa con un 7+ seguita dal centrocampo con 7, mentre il reparto d'attacco non va oltre un benevolo 5. Voto complessivo: 6,5.

IL MIGLIORE Grassi è rimasto il capocannoniere anche se è andato via a gennaio senza avere un vero e proprio sostituto. Invece Paolo Bartolomei, detto Bartolo, ha sostituito bene Andrea Caponi sia come giocatore che spesso come capitano. A lui la palma del migliore. Voto: 7.

IL MISTER Paolo Indiani, rimasto a Pontedera con qualche dubbio iniziale per la sirena estiva della Spal, ha sempre avuto le idee chiare: questa squadra deve giocare al centodieci per cento se vuol vincere o evitar di perdere. E così è stato in un numero abbastanza importante di partite, tanto da salvarsi in largo anticipo e sfiorare, a un certo punto, l'altissima classifica. Voto: 7,5.

LA VERGOGNA è marcata San Marino, un Pontedera senza gambe (e questo può passare) né testa (questo non deve invece passare) perché si era in piena bufera di litigi interni, partenze e arrivi col mercato di gennaio. Voto: 4.

LA NOTORIETA' viene dall'affidamento ai servizi sociali, destinazione mensa dei poveri, dell'esuberante Iacopo Galli (destinato a partire forse per la B) colpevole di una maxi squalifica. Un bel colpo mediatico del Pontedera, che ha fatto il giro dell'italia intera, anche se qualcuno non era d'accordo. Voto: 7.

IL FUTURO Le cessioni di Grassi e Caponi dopo quelle di Arrighini, Regoli e di altri nell'estate scorsa, ha portato nelle casse granata un tesoretto. Ora si tratta di spenderlo bene e soprattutto di trovare altri buoni giocatori a prezzo basso e stracciato. Ce la farà il ds Giovannini in accoppiata? Voto: auguri.

(M.M.)



Tag

Quota 100, Catalfo: "No a revisione finestre, renziani non governano da soli"

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Spettacoli

Cronaca

Cronaca