comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 19°27° 
Domani 20°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 04 luglio 2020

— il Blog di

Il nespolo

di - sabato 28 maggio 2016 ore 10:19

Davanti casa" disegno dell'autore

Davanti casa c'è un nespolo. Qua, dove abito, ci sono capitato per caso, rincorrendo la vita o fuggendo da essa: non lo so più. Del resto anche l'elegante nespolo è originario del Giappone: ne ha fatta di strada. Sto in una specie di agriturismo, un'ex casa vacanze che un tempo i proprietari affittavano agli stranieri nel periodo estivo e ora concedono in locazione a stanziali come me. La ereditarono in parte da familiari e ne rilevarono il resto da parenti lontani: una nuova famiglia che doveva formarsi e che poi andò persa, a quanto si dice. Era una casa colonica in cima a un pezzo di terra da coltivare, a mezza collina, sotto al paese. Sul lato della strada ha un piccolo slargo sterrato e il colle a ridosso, ma dal lato opposto si affaccia sulla valle e guarda oltre: le colline e i paesi lontani che la notte si accendono di luci. E da metà mattina prende, fino al tramonto, il corso del sole. È una cartolina, la campagna toscana.

Il nespolo è una pianta sempre verde che ha bisogno della compagnia di un suo simile per impollinarsi e dare frutti. Questo invece sta solo: potrei coglierne un'indolente similitudine, quasi una vuota allegoria. Ma la mia pianta fiorisce e fruttifica, devono essere stati gli uccelli, mi dicono, nel corso del tempo a compiere il miracolo del trasporto del polline. Gli uccelli infatti vi trovano, tra i rami e le fronde, albergo e riparo: se ne odono i cinguettii, se ne vedono i voli e si avverte il frullio delle ali. Volano liberi e sono liberi. Anche di scacazzare di continuo sull'auto parcheggiata sotto, magari appena lavata. O forse un tempo, accanto alla pianta, ci sarà stato un altro nespolo che è stato abbattuto. Gli alberi impiegano tanti anni a crescere, agli uomini basta qualche ora per sopprimerne la vita. Spesso è arbitrario, a volte necessario. Che i nespoli vengono in genere piantati a due a due me l'ha detto una persona che ho conosciuto da poco per lavoro. È stato Sindaco di un Comune della Versilia. È una persona gentile e squisita. Anni fa ha avuto un lutto gravissimo, l'ho letto sulle cronache di allora. Lui ne parla, a volte, come di una memoria presente e incancellabile per sé e la moglie. La morte di un figlio è un fatto terribile e innaturale: è insopportabile per i genitori sopravvivere ai figli. Non dovrebbe essere consentito da una disposizione compassionevole del destino o da una legge fisica e di natura, come per il tempo che non torna indietro. L'amico Sindaco e la moglie di figli ne avevano fatti due, come si piantano, due a due, quegli alberi da frutto.

In Versilia, da piccolo, mi portarono i miei genitori, a Tonfano. Nella casa di un collega piaggista del babbo. Ho un ricordo di spiagge grandi, ma forse è così che da piccoli si misurano gli spazi e forse allora era una Versilia più popolare e meno frequentata di adesso. Mi ricordo un gran sole e l'acqua del mare celeste che a me ha sempre fatto freddo, anche da grande e più ancora da vecchio. Il babbo con le gambe ossute e il volto cosparso di efelidi, rosso di capelli e bianco di carnagione: con la pelle arrossata, seduto sulla sdraio sotto l'ombrellone, teneva due cappelli di paglia sulle ginocchia a protezione totale dal sole. E la mamma, mora, bella in costume intero, anni cinquanta, mi spingeva sull'altalena del bagno e mi girava la testa, come per vomitare, come quando stavo nell'auto del tassista che ci portava al mare. Mi sentivo stordito e felice. Il bagno si chiamava Oceano, credo ci sia ancora e c'è comunque un oceano di ricordi perduti che via via affiorano alla mente ed al cuore.

Treggiaia, 14 maggio 2016


 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Sport