Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:30 METEO:PONTEDERA15°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 19 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Cronaca venerdì 18 aprile 2014 ore 18:32

La mobilità e il ritorno ai binari con il polo ferroviario della Valdera

Se ne parla per il prossimo 24 aprile in un convegno al museo Piaggio



PONTEDERA —  Un convegno per parlare di mobilità nell'area tirrenica e in particoalre dei collgamenti ferroviari a Partire da Pontedera. L'appuntmento è per il 24 aprile prossimo alle 16, nell’Auditorium del Museo Piaggio e i ltitolo dell'incontro Il ritorno ai binari. Scelta di mobilità e di disciplina urbanistica che verrà coordinato da Giovanni Bonadio, presidente di Logistica Toscana.

Al centro degli interventi dei relatori vi sarà il polo ferroviario della Valdera, che prevede il collegamento, lungo lo Scolmatore, tra l’interporto di Guasticce e Pontedera e da qui direttamente a Lucca, sarà illustrato in dettaglio dal dirigente del comune di pontedera Fausto Condello. Più in generale il convegno affronterà il tema specifico dell’Area urbana tirrenica, ove la progressiva crescita della domanda di mobilità ha fatto emergere l’esigenza di nuovi disegni delle rete di trasporto pubblico, tali da dare risposte efficaci e flessibili, sia per i residenti, sia per i lavoratori pendolari e sia per i turisti, e da sottrarre quindi quote rilevanti di traffico automobilistico.

L’evento si annuncia di grande interesse per la presenza, fra gli altri, di Vincenzo Ceccarelli, assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, che farà il punto sugli interventi previsti per l’Area urbana tirrenica dal Piano regionale integrato delle infrastrutture e della mobilità.

Le positive esperienze concretizzatesi da tempo nel Nord Europa, tramite le soluzioni di tram-treno, saranno di riferimento per un’analisi comparata, in quanto generatrici di un’accresciuta integrazione di territori che presentano campanilismi radicati. Sarebbe alquanto più facile vivere in una città e lavorare in un'altra, se l’area beneficiasse di servizi di trasporto comuni all’avanguardia e se questi servizi fossero integrati da sistemi di mobilità individuale su due ruote.

Verranno proposte ipotesi di progetti di tram-treno, pensati per collegare organicamente il porto di Livorno, l’Aeroporto di Pisa, l’Interporto di Guasticce, Piazza dei Miracoli e Cisanello, fra di loro e con i nuclei urbani e sub-urbani dell’Area.

Di rilievo anche le proposte che verranno avanzate in campo urbanistico che riguarderanno progetti su Livorno, Pisa e Pontedera.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore rilevate 25 nuove positività al coronavirus in Valdera. I dati della Ausl Toscana nord ovest anche su ricoverati e vaccinazioni
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità