QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 10 dicembre 2019

Lavoro martedì 25 marzo 2014 ore 11:10

​Lo stile di vita della Toscana all’Expo 2015

Ci saranno anche le eccellenze toscane all’evento internazionale a Milano. L'assessore regionale Salvadori ha parlato agli operatori del settore



SAN MINIATO — Una grande occasione per valorizzare e attrarre turismo sul territorio toscano. Così le istituzioni guardano all’Expo 2015 e così ne hanno parlato al convegno dal titolo appunto Verso Expo 2015. L’impegno della Toscana e il ruolo dei territori che si è svolto ieri pomeriggio, lunedì 24 marzo, nella Sala del Bastione a San Miniato. Presenti il presidente della Provincia di Pisa Andrea Pieroni, il consigliere regionale Paolo Tognocchi e l'assessore regionale all’agricoltura e Coordinatore del progetto Expo 2015 per la Toscana Gianni Salvadori, il sindaco di San Miniato, Vittorio Gabbanini e l'assessore al turismo Giacomo Gozzini,.


L'Expo si svolgerà a Milano dal primo maggio 2015 al 31 ottobre 2015. Lo slogan di questa manifestazione mondiale è Nutrire il pianeta e proprio il cibo sarà uno degli elementi fondamentali di tutto l'evento.

"Questa manifestazione vedrà la partecipazione di 150 Stati, per una previsione di visite che si aggira intorno ai 20 milioni di persone - ha spiegato il consigliere Tognocchi -. In tutto questo la Toscana deve avere un doppio ruolo: da un lato dare una buona immagine di sé, attraverso ciò che viene presentato negli stand dell'Expo; dall'altro, invogliare coloro che vedono le nostre eccellenze a venirle a sperimentare qui. Se l'Expo avrà questa immagine sarà grazie alla partecipazione di tutti i nostri territori che, insieme, si fanno promozione - e conclude - per adesso dobbiamo aiutare le piccole realtà a fare rete, in modo da sfruttare i bandi che ci saranno e, grazie alla dotazione di una serie di biglietti che spettano alla Toscana, creare pacchetti ad hoc per portare le persone a visitare i nostri luoghi".

"Questo evento nasce a Milano ma non finisce lì - ha dichiarato l'assessore Salvadori -. Per la Toscana è una grandissima occasione di sviluppo e quello che dobbiamo fare è dare risalto alla ricchissima storia del nostro territorio e a presentare una proiezione verso il nostro futuro. Il fatto che sul tavolo ci sia il tema del cibo, ci avvantaggia. Lo stile di vita toscano è quanto di più importante abbiamo e questa occasione ci permette di mostrarlo". L'assessore ha poi illustrato, più in concreto, quali siano le intenzioni della Regione. "Vogliamo portare in Toscana 150 opinion leader provenienti da tutto il mondo e per tutti i settori. Li ospiteremo e faremo conoscere loro le nostre eccellenze - ha spiegato ancora Salvadori -. Dobbiamo inoltre ricominciare a far girare la cultura all'interno della Toscana, ma in maniera organizzata".

La nostra Regione avrà a disposizione all'Expo uno spazio di 260 metri quadrati e un mese di esposizione (maggio 2015). "Rappresentare la Toscana in una mese è difficile - ha dichiarato l'assessore -. Il requisito richiesto dagli organizzatori dell'Expo è quello di rapportarsi ad un unico soggetto, perciò apriremo un bando, attraverso il quale poterlo costruire. Si tratta di una fase importante, che richiede la collaborazione di tutti. Ci diamo 40 giorni di tempo per incontrare tutti i mondi e ascoltare i diversi soggetti presenti sul nostro territorio e dopodiché faremo una sintesi- e conclude -. L'obiettivo è uno solo: portare la Toscana, e la sua unicità, all'attenzione dei Paesi presenti all'Expo".


Federica Antonelli



Tag

Renzo Bossi: «I 49 milioni erano sul conto quando papà se ne andò»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità