comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 21°22° 
Domani 20°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 05 luglio 2020

— il Blog di

Ombre

di - venerdì 22 dicembre 2017 ore 07:45

L’immagine che accompagna e ispira questo racconto non è mia. È un disegno del sole. Che sarebbe una stella. Si dice nato sotto una buona stella e forse su questo speculano gli astrologi per i loro oroscopi. È una foto del riflesso della tenda della finestra sul soffitto di casa. L’ho scattata un pomeriggio di questi, l’ho riportata in verticale con effetti virati sul blu e qualche altro trucchetto per darmi arie d’artista. L’ho chiamata “ombre”, perché di questo si tratta. E in fondo ombre siamo, riflessi di vita sulla Terra. Siamo ombre del tempo. Noi vivi e i morti che ricordiamo. E tutti gli amori che sono passati e quelli che verranno ancora per aiutarci a vivere, non sono che ombre. Impressioni di noi, proiettate sull’esistenza, lungo i giorni, gli anni, il tempo che scorre e noi con lui.

Quella volta, quel bacio, quel morso nella carne viva, quel tuffo nel cuore, il cuore nel petto. E tutti gli incontri e gli addii come un eterno ritorno o un eterno abbandono. Il fiore che cresce, la foglia che cade, la nube che vola, il cielo che piove, il sole che splende. E l’ombra che cade nella sera che viene. Ogni giorno. E ogni notte di luna e di stelle. O cupa come le tempeste, rischiarata dai lampi e scossa dai tuoni. Le stagioni della Terra: il freddo di un inverno, il calore di un’estate, la rinascita di primavera, la triste malinconia degli autunni. E tutte le ingiustizie del mondo.

Un amico che chiama e tu non rispondi, perché risposte non hai. Per lui, per te. Non ci sono risposte, non ci sono domande. Solo sentire, sentirsi ogni tanto. Come va? Tutto bene? Sono solo parole e silenzio. La notte mi sogno. Corriamo giù per la discesa. Siamo povere bestie, creature. E in questa penombra passano le memorie che affastellano la mente: quel ristornate lungo il fiume, in Francia dove pranzammo o la diga sul mare dove si frangevano le onde che restammo a guardare non so per quanto. Quella casa sulle colline senesi e un focolare nelle notti di neve sull’Appenino. Ricordi, bagliori, sensazioni della vita che è stata.

Non mi piacciono le tende, nemmeno queste che ingentilisce il sole. Tolgono luce. Le ho messe perché piacevano a te. Con il filo che pende ci gioca il gatto che tu detesti. Il gatto combinaguai è un regalo dei figli. E alla fine tutto si tiene, le tende, il gatto, persino la vita per quello che serve. Fraintendimenti, incomprensioni, giochi di sguardi e di ombre. Il niente di ogni giorno e il tutto che diviene, tranne noi. Di questa materia sono fatti i racconti, di niente e di tutto, di giochi di parole. E delle malinconie che coltivo per sentirmi una persona per bene.

Ogni cosa si perde e torna a noi sotto forma di immagini e sentimenti. Riflessi, penombre, anime danzanti, fuggevoli istanti colti o lasciati a se stessi. Dove se ne vanno? Forse a finire lontano, lontano dove non c’è più nulla. In nessun luogo. Dove andremo anche noi a ritrovarli per sempre. Perché tutti completiamo un ciclo e forse nessuno ha compreso veramente la propria vita, né sente di aver vissuto abbastanza.

Marco Celati

Pontedera, 2 Novembre 2017

_________________________

Lontano, “dove non c’è più nulla” è Jaques Prévert, “Barbara”. La frase finale si deve al film “Non lasciarmi” di Marek Romanek, dall’omonimo romanzo di Kazuo Ischiguro.


 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità