QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°11° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 20 novembre 2019

Lavoro lunedì 21 ottobre 2019 ore 08:57

Trattativa Piaggio, nuova protesta di Usb e Sgb

Mentre Fiom, Fim e Uilm provinciali proseguono nella trattativa con l'azienda, i sindacati di base hanno protestato davanti all'Unione Industriali



PISA — Nuova protesta dei sindacati di base (Usb e Sgb), con l'aggiunta di alcuni esponenti del circolo della Rifondazione "Karl Marx" di fronte all'Unione Industriali di Pisa, dove va avanti la trattativa fra Piaggio e i sindacati confederali di livello provinciale.

L'Usb Piaggio, che prima di dirigersi in via Volturno ha affisso uno striscione su ponte della Fortezza (nella foto), rivendica "occupazione e salario", affermando che "Piaggio non rispetta gli accordi" e "nega il posto a chi ne ha diritto, ma pensa solo al profitto".

"Il Gruppo Piaggio ha consolidato utili e incrementato il fatturato - hanno spiegato dall'Usb -, lo ha fatto fatto grazie all'utilizzo disinvolto degli ammortizzatori sociali, lo diciamo da tempo e lo ribadiamo adesso: Basta cedere ai ricatto di una dirigenza da troppo abituata ad ottenere ciò che vuole. Bisogna farlo partendo da punti chiari e semplici che possono unire le aspettative dei lavoratori e non dividere ancora una volta il fronte di lotta come vorrebbe la Piaggio".

Temi centrali per l'Usb Piaggio sono la questione del premio - "la richiesta aziendale è quella di mettere addirittura in discussione le cifre dell'ultimo integrativo e inserire il vergognoso sistema di welfare aziendale" dicono in proposito -, e "i 76 Ptv del 2012 usciti e per l'ennesimo anno a casa per 5 mesi senza stipendio, con 18 contratti a termine rinnovati fino a Gennaio 2020". Inoltre, per l'Usb "la Piaggio deve rispettare gli accordi sul bacino del 2009, assumendo i precari storici e per i nuovi ingressi va istituita una lista di priorità basata sul criterio dell'anzianità".

La protesta dell'Usb Piaggio, che per oggi aveva chiamato allo sciopero e ha disertato l'incontro separato all'Unione Industriali, era anche in sostegno al delegato Massimo Cappelli "colpito dall'ennesimo provvedimento di disciplinare".

Anche l'Sgb ha protestato di fronte all'Unione Industriali, in difesa di Massimo Cappellini il delegato Fiom in Rsu Piaggio raggiunto da provvedimenti disciplinari. "La persecuzione di Piaggio nei confronti di Massimo Cappellini non è un caso isolato - hanno commentato dal Sindacato generale di base -, episodi analoghi si verificano in tante altre fabbriche e luoghi di lavoro, i padroni per colpire i lavoratori, e le lavoratrici, più combattivi, per fiaccare la resistenza dei lavoratori alle politiche di austerità e dei bassi salari".
"Non ci meraviglia il silenzio sulla vicenda di Massimo da parte dei sindacati complici - hanno aggiunto -, del resto cosa possiamo aspettarci da quanti si recano a una trattativa con Piaggio senza chiedere preventivamente all'azienda di ritirare i provvedimenti disciplinari?"

Nel mirino dell'Sgb anche la firma per l'applicazione dell'accordo del 2014 sulla rappresentanza sindacale, che "riconosce a Cgil Cisl Uil il monopolio della rappresentanza sindacale nei luoghi di lavoro ma li obbliga a non indire scioperi e conflitto, prevedendo anche sanzioni per tutti coloro che contrastano gli accordi da loro siglati".



Tag

Un'alleanza con Salvini? Ecco cosa ha risposto Matteo Renzi

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Politica