QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 7° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 12 dicembre 2019

Attualità mercoledì 31 luglio 2019 ore 13:47

Ato Costa, prorogato l'incarico del direttore

Resterà in carica fino a conclusione del percorso di affidamento del servizio ma non oltre la fine del 2020. La proposta di legge approvata in Regione



PISA — "Prorogare l’incarico dell’attuale direttore generale dell’Ato Toscana Costa per un periodo di almeno 12 mesi dalla sua scadenza, per assicurare la conclusione del percorso di affidamento del servizio integrato dei rifiuti urbani".

È quanto dispone la nuova legge sulla revisione organizzativa e della governance dell’Autorità istituita nel 2011, approvata a maggioranza dal Consiglio regionale (hanno espresso voto contrario i gruppi di opposizione).

Il documento adegua "Le disposizioni relative alla durata dell’incarico del direttore generale in analogia con quanto già disposto per il direttore dell'Autorità idrica toscana".

"La legge - come sottolinea una nota del Consiglio regionale - dispone che il direttore generale dell’Ato sia nominato nell’ambito di una rosa di tre candidati, individuati ad esito di procedura comparativa pubblica. L’incarico avrà durata cinque anni. Vengono inoltre disciplinate le disposizioni transitorie relative al direttore generale dell’Ato Toscana Costa con la proroga dell’incarico sino alla conclusione della procedura di affidamento del servizio al gestore unico, e comunque non oltre il 31 dicembre 2020". 

La legge, composta di soli tre articoli, entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione sul Burt.

Elisa Montemagni (capogruppo Lega) ha giudicato “un’anomalia” questa proroga all’attuale direttore. “Ancora una volta la Regione ha deciso di scavalcare i Comuni, che devono così subire scelte imposte dall’alto e accettare un sistema che è fallimentare - ha commentato la consigliera - Per questo votiamo contro, perché riteniamo necessario che i Comuni siano ascoltati e non bypassati”.



Tag

Mes, Conte: «L'Italia non ha nulla da temere, il nostro debito è sostenibile»

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cultura

Cronaca

Attualità