Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:PONTEDERA19°36°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 20 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Brucia la collina dei Camaldoli, paura a Napoli
Brucia la collina dei Camaldoli, paura a Napoli

Attualità mercoledì 19 luglio 2023 ore 16:05

Claudia da Modartech al lavoro a New York

Claudia Aubert

La sua collezione, realizzata per il corso di Fashion design, le è valsa l'offerta di lavoro di Area: "Un sogno che è diventato realtà"



PONTEDERA — Dall'istituto Modartech di Pontedera fino al fashion system di New York. Il percorso di Claudia Aubert, 23enne originaria di Viareggio e fashion deisgner laureata proprio nella scuola di alta formazione di moda, sembra quello di una serie tv. 

In realtà, è tutto vero: Claudia, al termine degli studi, ha presentato la sua personale collezione "Head in the Claut", ispirata al movimento dadaista, che le è valsa una collaborazione con l’azienda newyorchese Area, specializzata in artigianato di qualità, sviluppo tessile e decorazioni innovative.

"Quando mi hanno chiamata è stato come se si stesse avverando un sogno - ha raccontato - seguivo già da tempo Area e grazie a Modartech ho avuto la possibilità di collaborarci attraverso un tirocinio di 6 mesi, al termine del quale l’azienda ha deciso di offrirmi un contratto di assunzione".

La collezione realizzata da Aubert

La passione per la moda, ereditata dalla nonna, che a Viareggio realizzava calzature artigianali, l'ha spinta a iscriversi al corso in Fashion design di Modartech. Qui, per la tesi finale, ha realizzato appunto una collezione di alta artigianalità e upcycling. "Volevo realizzare una collezione che parlasse delle mie passioni, ovvero la moda e l’arte e che fosse anche il mio biglietto da visita - ha spiegato - per gli abiti ho scelto di utilizzare materiali ecosostenibili e rigenerati, per realizzare qualcosa di nuovo come il dadaismo, che estrapolava dal contesto oggetti della vita quotidiana".

Un dettaglio della collezione

"Quando sono arrivata a New York mi sono resa conto che la mia preparazione era più completa rispetto a quella dei miei coetanei europei - ha concluso - la formazione in ambito moda, in Italia, è superiore agli altri paesi e questo l’ho potuto toccare con mano. Ricordo che i primi tempi ho passato anche intere nottate in ufficio, nei periodi di avvicinamento alle sfilate, perché volevo imparare, approfondire e non fare soltanto il compitino".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La compagnia teatrale dell'UTEL nella prima della commedia "Chiedilo al vento" ha dimostrato una indiscussa ed apprezzabile crescita artistica
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Elezioni

Elezioni