QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 10 dicembre 2019

Attualità giovedì 25 gennaio 2018 ore 11:12

"Eunice? Spero diventi un centro antiviolenza"

Al museo Piaggio serata benefica in favore dell'associazione. Pirri: "I centri antiviolenza sono finanziati direttamente dallo stato"



PONTEDERA — Nella sala espositiva del Museo Piaggio il prossimo venerdì 9 febbraio, viene ospitata la cena-evento organizzata da Confesercenti Toscana Nord e Centro Commerciale Naturale di Pontedera, con il contributo ed il patrocinio del Comune di Pontedera e di Fondazione Piaggio, in favore dell’associazione Eunice

Eunice Itua era una ragazza nigeriana, che viveva a Pontedera, barbaramente uccisa a Pasqua del 2008 dalla violenza di un uomo. Eunice è stata vittima infinite volte: vittima della tratta che la ha portata in Italia, vittima del racket che la ha costretta alla prostituzione, vittima di un uomo che le ha tolto la vita. 

L’associazione che porta il suo nome è composta da un gruppo di donne che hanno conosciuto la storia di Eunice e si sono sentite ispirate a mettere a disposizione se stesse, le proprie capacità e competenze per aiutare le altre donne a non essere più vittime. 

Un impegno costante che però ha bisogno di essere divulgato e anche di sostegno e finanziamenti. Da qui l’idea della serata di venerdì 9 febbraio dal titolo Un fiore per Eunice. 

La vicesindaca Angela Pirri, impegnata in prima persona nel contrasto alla violenza di genere ha detto: ”Si sentono in giro tanti discorsi ma poi di azioni concrete se ne vedono davvero poche. Come spesso dico, meno parole e più fatti. L’associazione Eunice ha bisogno di tutti noi e soprattutto ha bisogno di finanziamenti. Personalmente spero che possa trasformarsi in un centro antiviolenza in modo da essere finanziato direttamente dallo Stato. Il Governo negli ultimi ha stanziato diversi milioni di euro a favore dei centri antiviolenza ed, in generale, le politiche per il contrasto alla violenza di genere sono diventate più incisive. Voglio ringraziare Confesercenti per aver risposto al mio appello in favore di Eunice. Come donna, esponente istituzionale e politico non farò mancare mai il mio impegno a supporto di politiche atte a stroncare sul nascere comportamenti criminali che ledono la dignità delle donne, la loro libertà di scelta, che violano e spesso purtroppo annullano la loro vita”.

“Abbiamo deciso insieme al Comune - ha detto Simone Romoli di Confesercenti - di organizzare una cena a sostegno dell’associazione Eunice. L’idea è nata in occasione dello Shopping Ecologico che ogni anno organizziamo con i commercianti del centro di Pontedera. Nell’ultima edizione i negozi hanno esposto un fiore, che è stato dipinto in maniera artistica da diversi pittori. Proprio i commercianti e i fiori da loro offerti saranno protagonisti della serata per Eunice visto che gli ospiti della cena potranno ammirarli e averli con una offerta libera, che sarà interamente devoluta all’associazione Eunice insieme a parte del costo della cena”. 



Tag

Morto Vannoni, quando difendeva il «metodo stamina»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità