QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 6° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 12 dicembre 2019

Politica lunedì 17 giugno 2019 ore 12:35

Franco Valleggi, "Non mi dimetto"

Con pacatezza l'ex candidato sindaco di 20 anni fa e ora eletto consigliere precisa la sua posizione. Bocciati ancora Comunisti e Socialisti



PONTEDERA — "Non è vero che intendo dimettermi e non è vero che avevo rifiutato di fare il candidato sindaco per il centrodestra". Senza toni polemici, con tranquillità e senza farcela... troppo lunga come spesso avviene in politica, Franco Valleggi pone fine alle voci che lo vogliono rinunciatario alla candidatura poi toccata a Matteo Bagnoli, anche lui come Valleggi di Fratelli d'Italia, e che ora prevedono, sempre come voce, le sue dimissioni dalla carica di consigliere comunale conquistata da capolista.

Nel 1999 Franco Valleggi si presentò candidato sindaco per Alleanza Nazionale, in quel caso unico schieramento del centrodestra che però attirò suffragi anche dall'area berlusconiana non presente al voto, conquistano la percentuale massima su suffragi - 5691, 35,69% - imbattuta nei successivi 20 anni e superata soltanto nelle recenti elezioni doppie. Dove il centrodestra a tre facce ha raggiunto il 48,50% con 6430 voti al ballottaggio.
Come sempre succede, ha provocato qualche polemica la sconfitta, pur molto onorevole, del centrodestra, mai stato al governo di Pontedera anche se la Dc, con schieramenti interni vicini sia al centrodestra che al centrosinistra, era stata per tre volte il primo partito.
"Polemichette" sulla scelta dei candidati e di certi indirizzi che però finiranno presto nel dimenticatoio cittadino, mentre la difficile scelta degli assessori non comporta certo il clima di alta tensione (vedi, a esempio, il caso dei fiori per Bagnoli) che ha caratterizzato soprattutto il ballottaggio. La scelta degli assessori resterà invece circoscritta soprattutto ai candidati e sostenitori delle 4 liste di Franconi.
L'ultima considerazione riguarda invece la sinistra: nel nuovo consiglio comunale non saranno presenti neanche stavolta i Comunisti e i Socialisti - i due storici partiti della sinistra ripresentatisi rispettivamente con una candidata sindaco e due candidati consiglieri - che insieme hanno governato Pontedera per quasi 40 anni. Fino all'avvento delle nuove sigle e alla fine della cosiddetta prima repubblica.

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata



Tag

Mes, Lucidi annuncia voto in dissenso, contestato dalla ex-M5s Nugnes e dai compagni di gruppo

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Spettacoli

Politica

Politica