QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 9° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 17 novembre 2019

Politica venerdì 16 febbraio 2018 ore 12:10

Modulo antifascista, Fdi "Non ci siamo adeguati"

Fdi non ha compilato quello del Comune ma ne ha realizzato uno diverso. Forza Italia presenterà un esposto per violazione della par condicio.



PONTEDERA — La precisazione arriva in una nota che ha inviato Matteo Bagnoli di Fratelli d'Italia dopo la pubblicazione del nostro articolo Modulo antifascista, FdI si adegua, Fi insiste

"MAI fratelli d’italia Si è adeguata al modello comunale o ha fatto un passo indietro in quanto noi abbiamo presentato un nostro modello di 51 pagine dove sono elencate tutte le leggi che noi rispettiamo come fatto in quello sintetico di 4 pagine presentato il 6.02.18. Per questo il disturbo sindaco nelle due affermazioni dice cose non esatte e questo è grave perché lo fa sapendo di non dire la verità."

Il modulo antifascista che il Comune ha predisposto per la richiesta di incontri pubblici continua quindi a far discutere. Dopo lo sbianchettamento del modulo da parte di Fratelli d'Italia, dopo la visita di Giorgia Meloni in città adesso la situazione è la seguente: Fdi ha presentato nuove richieste di suolo pubblico. Lo ha fatto presentando un nuovo modulo e non quello predisposto del Comune. 

Il documento presentato da Matteo Bagnoli e Matteo Arcenni conta 51 pagine ed è stato redatto dopo aver consultato uno studio legale.  Il sindaco Millozzi l'ha accettato, nonostante il modulo non sia quello del Comune, ma un altro che comunque ne rispecchia le richieste necessarie. Difatti oggi, Arcenni e Bagnoli, erano presenti in zona mercato con un banchetto di Fratelli d'Italia. (vedi in fondo all'articolo il post Facebook)

Riguardo invece al modulo presentato da Forza Italia che, secondo quanto riferito dal sindaco Simone Millozzi in un comunicato stampa, lo avrebbe consegnato al Comune con una "singolare aggiunta a penna" - "Si dichiara (sempre sotto la propria responsabilità) di non condividere i valori dell'antifascismo" - il partito di Berlusconi, tramite i consiglieri comunali Domenico Pandolfi e Federica Barabotti ha annunciato che "contro la mancata concessione del suolo pubblico faremo un esposto al garante della par condicio". 

I due forzisti scrivono a Millozzi: "Berlusconi era il male assoluto, il nemico... contro di lui il sindaco si incatenava... C'è stato negato il suolo pubblico e continuiamo a non capire la posizione del sindaco!. Lui parla di Costituzione, rispetto ed è il primo a non rispettarla. La nostra è stata una provocazione riferita ad un già discusso animato consiglio comunale quando fu presentato tale documento da noi non votato". 

Una netta presa di posizione quella di Pandolfi e Barabotti: "Noi non firmeremo mai una richiesta con una dicitura precisa che dimostra solo una strumentalizzazione politica da parte della sinistra, per distogliere dai veri problemi della città!". 

"Una sinistra morta che è costretta a riesumare un fascismo finito da 70 anni.Tutto questo - continua la nota - ha solo scatenato violenze verbali e non da quelle persone appartenenti alla sinistra, vedi i fatti di Piacenza e Livorno. E il sindaco negandoci il suolo pubblico ha dimostrato solo di non rispettare e sminuire quella parte di costituzione esistente che è già ben chiara e che noi rispettiamo appieno. Contro la mancata concessione del suolo pubblico faremo un esposto al garante della par condicio"



Tag

Maltempo a Firenze, l'Arno in piena attraversa la città: il video dall'elicottero

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca