Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PONTEDERA9°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 26 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Grillo telefona in diretta a Mentana: «Mai parlato con Conte per votare Draghi»

Attualità venerdì 26 novembre 2021 ore 11:44

Parkinson, al Lotti seguiti oltre 700 pazienti

La neurologia dell'ospedale pontederese, diretta dal dottor Galli, ha garantito la continuità ambulatoriale anche in emergenza Covid



PONTEDERA — Domani, sabato 27 Novembre, si celebra la Giornata nazionale del Parkinson, dedicata ad una patologia neurodegenerativa che interessa più di 300mila persone in Italia. All’ospedale “Lotti” di Pontedera la neurologia, diretta dal dottor Renato Galli, ha attivato da anni un servizio specifico, coordinato dal dottor Carlo Rossi, per le malattie neurodegenerative che segue oltre 700 pazienti e che ha assicurato la continuità del servizio ambulatoriale anche durante l’emergenza Covid.

I pazienti, oltre che del supporto neurologico, possono avvalersi di percorsi di fisioterapia organizzati a piccoli gruppi che si tengono a Casciana Terme, grazie alla collaborazione con i fisiatri diretti dalla dottoressa Cristina Laddaga. Oltre alla fisioterapia è attivo anche un percorso gastroenterologico per gli aspetti nutrizionali e per i disturbi della deglutizione coordinato dal dottor Claudio Belcari.

"La collaborazione con le altre specialistiche è fondamentale - hanno ricordato dall'Azienda Usl Toscana nord ovest - perché i sintomi del Parkinson, oltre ad essere specificatamente motori (tremore, rigidità e lentezza nei movimenti) coinvolgono spesso anche altri sistemi neurologici con la comparsa di sintomi non motori (assenza di olfatto, disturbi dell’umore, del sonno o della sfera cognitiva) ma anche non neurologici (con disturbi gastroenterici o genitourinari). La presenza dei sintomi non motori è spesso trascurata e non riconosciuta causando tuttavia un aumento di morbilità, dipendenza, istituzionalizzazione e di costi sociali".

Per questo motivo la complessità della malattia richiede una gestione specialistica che vede al centro dello scenario la regia di un neurologo esperto in disturbi del movimento, coadiuvato da un team multidisciplinare in modo da non trascurare tulle le molteplici sfaccettature della patologia.

In Italia i malati di Parkinson sono circa 300.000, con età d’esordio medio a 60 anni e con aumento della prevalenza con l’aumentare dell’età, anche se in piccola percentuale la malattia può colpire le fasce più giovani (30-40 anni). È infine atteso un incremento della prevalenza del Parkinson nei prossimi 20 anni.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Se n'è andata a soli 47 anni Elisa Parrettini, giovane mamma che insieme al marito gestiva un'attività. Domani i funerali alla chiesa delle Melorie
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Luciano Turini

Lunedì 24 Gennaio 2022
Onoranze funebri
PUBBLICA ASSISTENZA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cultura

Attualità

Cronaca