Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 23:48 METEO:PONTEDERA15°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 09 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Via d'uscita dalla pandemia è vicina, il Recovery è un'opportunità per le donne»

Cronaca domenica 10 luglio 2016 ore 18:16

Presunto stupro, il giorno della sentenza

Lunedì nel tribunale di Pisa verrà emessa la sentenza per gli episodi avvenuti due anni fa in una villa nel Comune di Santa Maria a Monte



PONTEDERA — La sentenza doveva essere pronunciata nell'udienza del 6 giugno ma venne rimandata ed è stata fissata per per lunedì 11 luglio. 

E' quindi il giorno decisivo per vedere confermate o smentite le accuse di stupro a carico dei due ragazzi, oggi di 22 anni. 

I fatti risalgono al luglio 2014 quando in una villa nel Comune di Santa Maria a Monte i due giovani invitarono due ragazze a trascorrere la serata con loro. I due giovani sono accusati di aver abusato sessualmente di una delle due e hanno passato sei mesi in carcere e sette agli arresti domiciliari.

La libertà ai due era stata concessa ad ottobre dopo che l'esperta nominata dagli avvocati dei due giovani, la dottoressa dell'Università di Firenze Elisabetta Bertol, dimostrò che nella bevanda Schweppes erano contenute tracce della droga definita dello stupro, il Ghb. Ma nella perizia ordinata dal tribunale di Pisa e dal giudice Pietro Murano è emerso che nelle Schweppes in commercio non c'è Ghb. Ovvero la perizia ha dimostrato l'opposto di quanto dimostrato (e che valse la scarcerazione) dalla difesa. Inoltre la perizia ordinata dal tribunale ha chiarito che l'esame del capello, fatto alla giovane quattro mesi dopo, non è da ritenersi affidabile mentre i sintomi avuti dalla ragazza, vomito e perdita di conoscenza, potrebbero essere riconducibili all'assunzione di Ghb.

Le conclusioni a cui sono giunti i tre periti nominati dal tribunale il professor Gaetano Buonocore, la professoressa Renata Borriello e il professor Giovanni Gallotta sono in netto contrasto con quelle dell'esperta nominata dalla difesa, la professoressa Bertol. Inoltre il lavoro dei tre periti coincide con quello di Mario Giusiani, consulente nominato dal pubblico ministero.

Un processo lungo due anni per un caso che ha destato molto scalpore in Valdera e in tutta la provincia di Pisa.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS

Lavoro