comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:54 METEO:PONTEDERA9°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 01 dicembre 2020
corriere tv
Covid, Crisanti: «Si parla di sci con 600 morti al giorno. Non siamo un Paese normale»

Politica venerdì 20 dicembre 2019 ore 18:11

Tavolo Valdera, si siedono Macelloni e Bini

Appello di Franconi risposte dall'Alta Valdera. Il pecciolese: "Accolgo con soddisfazione questa proposta". Bini: "Un’analisi che superi le Unioni"



PONTEDERA — Ieri il sindaco di Pontedera Matteo Franconi ha chiamato a raccolta tutti i colleghi e le colleghe della Valdera per creare un tavolo di lavoro comune per rendere la Valdera ancora più forte. 

I primi due sindaci a rispondere sono stati Renzo Macelloni di Peccioli e Mirko Bini, di Terricciola.

Macelloni: "Ho letto con piacere sulla stampa l’intervento del sindaco di Pontedera Matteo Franconi sull’esigenza di costituire un tavolo della Valdera unita. Personalmente sono oltre venti anni che cerco di ragionare in tal senso per uno scenario futuro della Valdera ed oggi, quindi, trovo positiva la riflessione a pieni polmoni che fa Franconi.

Bene, io sicuramente in questa partita ci sarò di “diritto”.

Individuare nel piano strutturale comune il punto di partenza di un percorso futuro unitario è sicuramente il passo giusto per raggiungere l’obiettivo prefissato.

Certo che di passi in avanti c’è da farne parecchi, visto che la situazione di oggi è totalmente differente.

L’Unione Parco Altavaldera è sicuramente più avanti nell’approvazione di un piano strutturale unitario, considerato che siamo già agli incontri pubblici con la popolazione per illustrare la strategia del piano prima dell’adozione nel Consiglio dell’Unione.

L’Unione Valdera, con il suo gruppo di tecnici, sta lavorando ad un piano strutturale d’area e il Comune di Ponsacco sta predisponendo autonomamente il suo piano strutturale.

È ovvio che, con tre iniziative così e tre gruppi di lavoro autonomi, difficilmente si possono produrre visioni che abbiano una coerenza unitaria.

Non sarà sufficiente un coordinamento di questi tre gruppi di lavoro ma è indispensabile ripartire su questo piano con un’unica visione coesa.

L’uscita del Sindaco di Pontedera Matteo Franconi è senz’altro di buon auspicio e lascia presagire la possibilità e l’impegno a superare le particolari incrostazioni, sia tecniche che politiche, che questo difficile ma intrigante percorso ha in serbo.

Io, per quanto mi riguarda, il 7 gennaio prossimo sarò presente al tavolo di lavoro promosso e mi impegnerò anche all’interno dell’Unione Parco Altavaldera, qualora ce ne fosse la necessità, per far maturare velocemente questo tipo di percorso.

In quest’ottica, mi preme ricordare, che un piano strutturale unitario rappresenterebbe lo scenario ideale per agevolare lo studio di ricerca che Nomisma sta portando avanti con i Comuni del Parco Altavaldera, del Comune di Ponsacco e con la collaborazione attiva anche del Comune di Pontedera".

Bini: "Ho apprezzato e condivido quanto detto dal sindaco Franconi, e credo sia opportuno aprire un tavolo e un ragionamento con chiunque condivida una visione di territorio unitaria.

Bene quindi il tavolo che ci veda insieme su tematiche che riguardano lo sviluppo di area, penso alla mobilità, penso al tavolo che si delineando sul Distretto Rurale e al modo di gestire i servizi che riguardano la Valdera.

In questi primi mesi di mandato da Sindaco ho analizzato anche la situazione che ci vede partecipi nell’esperienza dell’Unione dei Comuni, un’esperienza virtuosa ma che oggi ci vede di fronte ad un'analisi doverosa.

Il cambio di normativa, che non ci obbliga più al dover mettere insieme delle funzioni ci spinge a nuove analisi e decisioni. E’ tempo di valutare come riuscire ad adempiere meglio alle necessità dei cittadini,di come mettere al centro dei progetti politici i bisogni dei nostri elettori.

E’ tempo del coraggio, è tempo di prendere strade nuove e ridisegnare il contesto politico e sociale della Valdera. Penso ad un’analisi che superi le Unioni dei Comuni, che guardi ad aree più vaste, ad un’idea di Valdera che collabori su funzioni generali utilizzando lo schema delle “convenzioni”, un modo per essere più uniti, più funzionali e senza apparati di gestione ulteriori, un esempio quello di Franconi, la Protezione Civile, sul quale mi trova concorde, ma penso anche alle “gare per appalti e bandi” che ad oggi gestiamo in 2 poli distinti, penso a tutto quello che può essere convenzionato e che riguarda la gestione del territorio che garantirebbe un servizio migliore ai cittadini, più economia e più funzionalità.

Per il resto mi sembra evidente che ci sono dei servizi che devono stare nei Comuni e che devono essere prossimi alla cittadinanza, un esempio è il servizio della Polizia Municipale, che vorrei avere più prossima e più vicina al cittadino, ma anche uffici con funzioni tecniche che indirettamente garantiscono un miglioramento dei servizi Comunali.

E’ il caso di guardare oltre, è il caso di porsi problemi tecnici chiari e di dire che gli schemi come li abbiamo pensati in passato non sono più funzionali. Come Unione Parco Alta Valdera abbiamo approvato un documento politico all’ultimo consiglio dell’Unione in cui ci impegniamo ad una revisione e studiodella situazione inerente all’Unione dei 4 Comuni, credo che sia necessario avere il coraggio di fare scelte diverse anche politicamente oltre che tecnicamente, ci sono funzioni di gestione che andremo a fare insieme, serve il coraggio di allargarle e potenziarle, e ci sono funzioni che meritano un costruttivo ridimensionamento e un riassetto presso i Municipi che devono tornare al centro del servizio erogato e più vicini ai cittadini.

Il coraggio di andare oltre e di dialogare a 360 gradi con tutti quegli Enti che lo vorranno, nello scopo di superare “schemi” e “contenitori” costosi e farraginosi e di snellire un sistema rendendolo più efficiente mettendo il cittadino al centro di ogni riflessione".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Lavoro

Cronaca

Cronaca