QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14°23° 
Domani 16°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 17 giugno 2019

Attualità mercoledì 22 febbraio 2017 ore 15:23

Trasporto scolastico, le critiche dell'opposizione

Il servizio per i bambini disabili passa alla Società della Salute. Marrica Giobbi, capogruppo della Lega Nord, attacca la Giunta



VICOPISANO — Non è piaciuta alla leghista Marrica Giobbi la decisione di trasferire il trasporto scolastico dalla Spes di Uliveto alla Società della Salute. Per questo, annuncia la capogruppo, chiederà lumi con un'interrogazione consiliare.

"Di punto in bianco, come fulmine a ciel sereno - scrive Giobbi - la giunta Taglioli toglie alla Spes di Uliveto che lo aveva proficuamente svolto, il trasporto sociale scolastico di bimbi portatori di handicap, per destinarlo a partire dal primo gennaio del 2017 alla Società della Salute".

"Cinque sono i ragazzi che tutti i giorni si avvalgono del servizio - prosegue Giobbi - chi va a Santa Maria a Monte, chi a Pontasserchio, chi a Sant’Ermete, chi all’Unitalsi a Pisa e chi al Pesenti a Cascina, amorevolmente portati dai volontari che li conoscono da tempo e con i quali si è instaurato un rapporto di fiducia e di amicizia".

"Le motivazioni di questa scelta politica sono risibili - attacca la capogruppo della Lega Nord - ed evidenziano ancora una volta fino a che punto la giunta vicarese sia succube della Società della Salute: non è vero che ci sia stato un progressivo aumento dell’utenza, né che si possa parlare di scarsità e obsolescenza dei mezzi a disposizione, così come appare pretestuoso motivare l’affidamento del servizio alla SdS per la necessità di attuare consolidati meccanismi di accesso e verifica requisiti e una differenziazione tra tipologie di trasporti, elementi che la Spes ha sempre rispettato".

"Intanto, sarà perché il bando per l’assegnazione ad altra onlus è andato deserto, oppure perché la SdS non lo ha ancora approntato, fatto sta che al momento la Spes continuerà ad effettuare il servizio, secondo voci di corridoio, fino al mese di giugno".

"A nome di tutti i cittadini che sono rimasti esterrefatti - conclude Giobbi - ho chiesto puntuali spiegazioni con un’interrogazione che sarà discussa al primo consiglio comunale utile".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Attualità

Attualità