QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 9° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 11 dicembre 2019

Attualità lunedì 16 settembre 2013 ore 09:50

Camminare per resistere alle mafie



Da Pontedera a La Rotta tante le persone in marcia insieme a Libera, Arci e Giovanni Impastato, fratello di Peppino Pontedera – Centinaia di persone al fianco di Giovanni Impastato, don Armando Zappolini, delle associazioni e dei volontari che quotidianamente fanno antimafia sociale. Erano davvero tanti i cittadini, adulti e bambini, che insieme a più di cinquanta associazioni sociali e di categoria hanno aderito sabato scorso all’iniziativa nata da un’idea dell’associazione teatrale Cantieri Osso Del Cane con il sostegno del Comune di Pontedera, di Arci e di Libera. Una passeggiata per la legalità di circa sei chilometri in compagnia del fratello di Peppino Impastato, il giornalista di Cinisi ucciso da Cosa Nostra il 9 maggio 1978. Una marcia della solidarietà da Pontedera fino a La Rotta in piazza Pino Puglisi, il parroco siciliano vittima della mafia. Ad attendere le famiglie, i bambini e i politici in marcia all’arrivo c’erano i volontari che hanno lavorato nei terreni confiscati e don Armando Zappolini. Il parroco di Perignano, insieme a tutto il corteo, ha poi piantato un albero in ricordo di Rita Atria, la testimone di giustizia che aiutò Borsellino in molte indagini morta a soli diciassette anni. I volontari della fiera dei Fischi e delle Campanelle hanno poi cotto nella fornace i mattoncini della legalità destinati alle scuole di Pontedera e ai terreni confiscati, per indicare che una società senza mafia va costruita con impegno e fatica, mattone dopo mattone.


Tag

Renzo Bossi: «I 49 milioni erano sul conto quando papà se ne andò»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità