Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PONTEDERA22°28°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 01 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Nespoli: «Io come la mia Inter, poche vittorie ma di gran cuore»

Attualità martedì 21 luglio 2015 ore 16:15

"Botteghino? Chiamiamo i cittadini della Val Susa"

Manifestanti No Tav (foto da internet)

La proposta del circolo Karl Marx di Rifondazione: "E speriamo che al dibattito No Tav possiamo assistere anche noi. Attenti a non estremizzare"



PONTEDERA — Invitiamo qualche cittadino della Val Susa per parlare del movimento No Tav”. Il circolo Karl Marx di Rifondazione Comunista interviene sulla polemica sollevata da qualche socio del circolo Arci Il Botteghino dopo l'esposizione della bandiera No Tav all'interno del circolo stesso: “Sicuramente questa accalorata discussione estiva – spiegano - ha il merito di mettere in luce diversi problemi , quello sulle grandi opere pubbliche e la loro presunta utilità, l’impatto ambientale che comportano tali opere, il coinvolgimento degli abitanti in scelte così impattanti e da non trascurare i costi elevati per la collettività tutta. Partendo quindi anche da critiche feroci verso l’esposizione di una bandiera in un circolo Arci, troviamo di positivo il fatto che s'intenda discuterne, un modo anche per cercare di approfondire i problemi e conoscerli”.

Anni di lotte democratiche – I rappresentanti del circolo Marx proseguono: “Dietro quella bandiera ci sono anni di lotte e mobilitazioni che hanno visto partecipe la quasi totalità della popolazione, una maggioranza che non è stata ascoltata, né tanto meno coinvolta nelle decisioni, eppure l’opera di grande impatto verrà fatta sul loro territorio, in casa loro e con scarsa utilità generale”.

Secondo i Comunisti bisogna stare attenti a non fare falsi proclami: “Quindi estremizzare e dire che sono terroristi o che tirano bombe è alquanto riduttivo e non tiene conto della realtà, di una popolazione che a stragrande maggioranza si sta battendo da anni con metodi democratici, ma ripetiamo non importa la critica anche feroce, anche sopra le righe se da essa ne possiamo trarre un confronto aperto e democratico”.

In conclusione i marxisti si augurano di essere invitati ai dibattiti e lanciano una proposta: “Ben venga un’assemblea dei soci magari invitando anche qualche cittadino della Val Susa, in cui si possa discutere approfondendo la conoscenza di un problema che non riguarda solo i valsusini, ma indirettamente anche noi che con le nostre tasse contribuiamo a pagare un’opera inutile e costosa, quando tutte quelle risorse economiche potevano essere destinate ad altri usi più necessari e immediati, ad esempio investendo nel rifacimento e nella messa in sicurezza delle scuole pubbliche creando così anche posti di lavoro in un paese dove la disoccupazione ha raggiunto cifre impressionanti. Ai soci del circolo Il Botteghino auguriamo una serena e approfondita discussione alla quale, se possibile, assisteremmo volentieri”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore accertate trenta nuove positività al coronavirus sul territorio, una su tre riguarda cittadini pontederesi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Giovanna Daino Ved. Di Paola

Venerdì 30 Luglio 2021
Onoranze funebri
Mancini & De Santi Capannoli, Fornacette
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità