Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PONTEDERA12°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 17 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Scuola, Bianchi: «Vaccino obbligatorio per la tutela di tutti»

Attualità sabato 18 luglio 2015 ore 17:30

Il circolo della discordia, dai No Tav alle slot

Foto d'archivio

M5s: "Ottima iniziativa. Sarebbe bene parlare anche delle slot". Il paradosso al Botteghino: per giocare alle macchinette obbligatoria tessera Arci



PONTEDERA — No Tav, slot machine, bandiere della pace.

Il circolo Botteghino della Rotta come metafora dell'attuale sinistra o centro sinistra italiana, divisa tra riformisti e progressisti, sia dentro che fuori dal Pd.

“Apprezziamo il gesto audace dei nuovi gestori e ci piacerebbe aprire un dibattito anche sul problema slot”. Il Movimento 5 stelle di Pontedera dice la sua sulla questione in atto in queste settimane al circolo Botteghino della Rotta riguardante l'esposizione, da parte dei nuovi gestori, della bandiera No Tav. Gli esponenti del M5s provano anche ad allargare il fronte della discussione allargando la riflessione alle slot machine.

Sulla bandiera No Tav - “La questione del contendere – scrivono gli esponenti del Movimento - è l'esposizione di un vessillo “No Tav” alla parete del circolo stesso. Quello che ci porta a commentare l'accaduto è il paradosso della scelta di alzare barricate verso un simbolo (il No Tav) inteso come simbolo di ribellione di un territorio, di essere contro al sistema, di una preservazione ambientale, di uno sperpero inutile di risorse pubbliche e quant’altro (tutta roba “de sinistra”) e il non spendere nemmeno un'alzata di sopracciglio riguardo alla presenza di slot machine”.

La lista d'opposizione è dalla parte dei gestori e non da quella dei soci del circolo, che avevano sollevato il dubbio se tenere esposta o meno la bandiera: “Il movimento No Tav, ovviamente nella sua componente assolutamente pacifica e perciò nella sua stragrande maggioranza, è sempre stato appoggiato dal M5S quindi apprezziamo il gesto audace dei nuovi gestori in evidente dissenso al partito di riferimento”.

Il paradosso della tessera Arci per giocare alle slot machine. Bandiere della pace e Pd – All'interno del circolo ci sono almeno tre slot machine e su una di queste c'è scritto: 'Vietato giocare alle slot senza tessera Arci' (cliccando qui si può vedere la foto).

L'Arci, associazione ricreativa e culturale italiana, nel suo statuto richiama a principi e valori totalmente in dissenso con la pratica delle slot machine.

Probabilmente anche da questa riflessione prende spunto il M5s quando sposta l'attenzione sulla presenza, all'interno del circolo di diverse slot machine: “Auspicheremo un bel dibattito sul problema slot unito anche alla discussione sull'opportunità di esporre la bandiera della pace giacché il partito di riferimento (e di governo) non si è speso molto nella riduzione di spese militari e partecipazione a missioni di guerra costantemente rifinanziate”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nella provincia di Pisa, tra ieri e oggi, sono state registrate oltre 1.400 nuove positività. In tutta la Regione, invece, sono 11.761 i contagiati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

STOP DEGRADO

Sport

STOP DEGRADO