Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:26 METEO:PONTEDERA15°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 08 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Meghan da Oprah: «Mi vergognavo a dirlo, ma non volevo più essere viva»

Attualità martedì 18 settembre 2018 ore 13:03

La Prova dei Cuochi XII, un dono per Shalom

Fissatato per martedì 25 settembre a Il Cavatappi il grande evento benefico. Ai fornelli gli chef Passetti, Rossi, Zazzeri, Belluoccio e Gazzarrini



CALCINAIA — Sarà il tema del dono a far da filo conduttore per la 12esima edizione della Prova dei Cuochi - Memorial Emanuele Belluoccio, evento benefico ideato dall'enogastronomo Enrico Bimbi per coinvolgere in una cena di raccolta fondi per il Movimento Shalom le eccellenze del territorio e 150 commensali. L'intero ricavato, grazie anche al sostegno del Comune di Pontedera e della Cittadella Caffè, sarà completamente devoluto al progetto solidale Shalom "Potabilizzazione e distribuzione acqua in Congo - Brazaville".

L'appuntamento è per martedì 25 settembre al Club enogastronomico Il Cavatappi, costo 30 euro, info e prenotazioni su blogdelgusto.it.

Questa mattina l'evento è stato presentato da Enrico Bimbi, don Andrea Pio Cristiani fondatore di Shalom, la vicesindaca di Pontedera Angela Pirri e Fabrizio Niglio, primario del reparto di immunoematologia dell'ospedale Lotti di Pontedera.

"Il menù - ha sottolineato Bimbi - propone piatti legati alla cultura del dono e al tema della miseria, elaborati dagli stessi rinomati chef che furono i protagonisti anche della passata edizione: Michela Passetti (acqua cotta), Gilberto Rossi (tortello ripieno di pappa al pomodoro con sminuzzato di coniglio), Luciano Zazzeri (Spaghetti Martelli con rigaglie di pollo e acciughe), Angelo Belluoccio (peposo dell'Impruneta) e Paolo Gazzarrini (il dono delle api nell'arte pasticcera Cantuccio di Federico)".

"Questa cena è anche il pretesto per ragionare un po' - queste le parole di don Cristiani - perché noi vorremmo che ogni uomo potesse godere dei frutti della terra. Oggi stiamo vivendo un passaggio travagliato, vedo un'esistenza triste, e ciò che vogliamo è promuovere uno stile di vita più felice, che si ottiene anche grazie alla cultura del dono, il dono rende più felici".

Numerose le associazioni e le aziende che daranno un contributo. Oltre alla Delegazione Pontedera Valdera della Fisar per l'abbinamento dei vini, la Macelleria Desideri di Pontedera per le carni, la Casa del Pane di Francesco Gori di Pontedera per il pane della tradizione a lievitazione naturale, la Col di Conca di Traggiaia per l'olio cultivar Razza e Mignola, Martelli di Lari per la pasta artigianale, Via dell'Orto di Capannoli per le verdure e altri prodotti orticoli e l'azienda agricola La Casina di Michele di Montecastello per il miele.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cultura

Cronaca