Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:30 METEO:PONTEDERA18°30°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 20 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Inginocchiati o ti sparo»: il video de Il Foglio della lite al ristorante di Albino Ruberti, capo gabinetto di Gualtieri

Politica martedì 09 agosto 2016 ore 14:45

"Unica invasione nelle vite degli altri è la sua"

Alessandra Nardini

La consigliera regionale Nardini replica alla sindaca leghista sul suo no alle unioni civili: "Sono legge, se ne faccia una ragione"



CAPANNOLI — "Parla di invasione di campo dello Stato nelle vite private, ma l’unica invasione di campo che vedo è la sua. Le unioni civili sono legge, se ne faccia una ragione". Non usa mezzi termini Alessandra Nardini, consigliera regionale Pd originaria di Capannoli, nella sua replica alla sindaca leghista Susanna Ceccardi che proprio ieri ha palesato la sua volontà di contrastare le unioni civili annunciando che praticherà l'obiezione di coscienza.

"Ceccardi stupisce poco, più che altro suscita tristezza - dice in una nota Nardini -. Si faccia un giro fuori, anche tra i giovani della nostra età, magari si accorge che sui diritti civili è rimasta molto molto indietro. La sindaca di Cascina dice di volersi appellare all’obiezione di coscienza, peraltro non prevista da questa normativa, pur di non celebrare le unioni civili".

"Come sindaca - ha aggiunto la consigliera regionale - deve rispettare le leggi dello Stato. Ai leghisti lo Stato piace poco? E allora perché si candidano a guidarne le amministrazioni? Non esistono cittadine e cittadini di serie A e di serie B, come non esistono diritti di serie A e diritti di serie B. Chi amministra dovrebbe saperlo. Dovrebbe voler rappresentare tutte e tutti. Gli amanti omosessuali, come li definisce, sono donne e uomini che da anni lottano semplicemente per vedere riconosciuti diritti e dignità al loro amore e alle loro famiglie. E quel registrucolo, ottenuto finalmente dopo tantissime battaglie e troppe discriminazioni, mi auguro sia solo il primo importantissimo passo verso la piena uguaglianza. Ricordo con piacere le tante sindache e i tanti sindaci della Toscana che pochi mesi fa hanno sfilato al Toscana Pride per festeggiare diritti finalmente acquisiti e chiedere che si continui su questa strada. Un consiglio: guardi gli occhi pieni d'amore di quelle coppie, guardi le famiglie arcobaleno, e dopo spero che l'unica cosa per cui si indigni siano proprio le sue stesse parole".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Operai e dipendenti comunali subito al lavoro per intervenire sulle criticità. Qualche tetto scoperchiato e tanti alberi finiti per strada in Valdera
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Politica

Sport

Cronaca