comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°28° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 15 luglio 2020
corriere tv
Coronavirus, Salvini: «Italiani non possono essere tenuti sotto sequestro per altri mesi»

Cronaca giovedì 03 aprile 2014 ore 11:01

Caschi gialli in strada, a Pisa la protesta degli imprenditori

In corteo sui Lungarni gli artigiani e piccoli impresari della Cna manifestano contro la burocrazia che stritola il settore



PROVINCIA DI PISA — Sono scesi in piazza e hanno bloccato i Lungarni pisani con i caschi gialli in testa e il piccone in mano. A protestare stavolta non sono i minatori o quegli operai senza volto né nome coperti di fango e polvere che chiedono diritti essenziali a un padrone tiranno. Stavolta per strada ci sono gli imprenditori, "i padroni" quelli che cinque anni fa stavano in ufficio a fare i conti.

Proprio in questi minuti, in una coda che supera il chilometro previsto alla vigilia della manifestazione partita dal settore Costruzioni della Cna ma che si è allargata a tutta la piccola e media impresa di Pisa e provincia (ma in corteo ci sono anche rappresentanze delle province vicine), a gridare, fischiare e chiedere di vedere riconosciuto quel diritto al lavoro sancito dalla Costituzione sono i titolari. Quelli che la crisi li ha tirati giù in cantiere a sostituire gli operai che sono stati costretti a licenziare e ora cercano di non chiudere un'azienda che stanno guardando morire piano piano. Soffocata dalla stretta al credito delle banche,da una burocrazia sempre più macchinosa, da un costo del lavoro e della vita che sale mentre il salario non cresce. Da un Privato che non investe e da un Pubblico troppo concentrato sulla sussistenza.

Anche a Pisa sappiamo lavorare” ricordano, pensando alle ditte che vincono gli appalti. “Lavorare così è un calvario”, pensando ai prezzi al ribasso e ai lavori in perdita, pur di non perdere il lavoro. “Imprenditori pisani in piazza per non morire” è l'ultimo ed estremo grido di aiuto di un settore, quello artigiano, abituato a fare e che si trova a chiedere perché non può fare altro.

E come il canarino che faceva da sentinella, ricordano, oggi, che se muoiono loro, per il Paese non c'è speranza.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Cronaca

Attualità