comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:13 METEO:PONTEDERA13°18°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 25 ottobre 2020
corriere tv
Speranza e il suo libro: «In questo momento non posso impegnare il mio tempo per le presentazioni»

Cronaca lunedì 28 settembre 2020 ore 18:45

​Quercetani e i delitti impuniti

A Castelfranco, sulla riva dell'Arno, domenica è stato ucciso un un uomo. Come successe 56 anni fa nella golena d'Arno ora diventata città scolastica



PONTEDERA — Si cerca l'assassino, per ora non scoperto, del cinquantenne fucecchiese Roberto Checcucci ucciso a domenica a coltellate sull'argine dell'Arno di Castelfranco. Per ora non ci sono novità mentre sono attive, ovviamente, le indagini.

Anche il 9 giugno 1964 ci fu un delitto simile, stavolta a Pontedera nei campi di grano dove ora pulsa la città scolastica, e anche il giovane e aiutante pontederese Franco Quercetani, di mestiere ambulante, amico di molti pontederesi, fu trovato nel sangue ucciso a coltellate. Tutta Pontedera fu impressionata da questa vicenda e un po' tutti avevano la loro tesi: amore, denaro, passione... L'assassino di Franco non fu mai trovato come non è stato mai trovato l'assassino a Legoli di un muratore partinese quarantanovenne, freddato con quattro colpi di pistola.

Il caso più eclatante in tutta la Valdera e oltre resta comunque l'uccisione a Toiano della Botra, il giorno del Corpus Domini del 1947, a guerra da poco finita, di Elvira Orlandini. Per tutti, ancora, la Bella Elvira "cantata" dai e in teatro. Dopo lunghe indagini fu accusato il fidanzato che però fu assolto. Elvira aveva anche lavorato nel ristorante del piazzone (ora Il Gambero) e sul suo assassinio si è detto di tutto. Ma senza approdare a nulla. 

Nel '93 al Garetto, confine tra la Valdera e e le colline verso il mare, furono trovati uccisi e legati insieme alla maniera sarda Francesco Vinci e Angiolo Vargiù, del cui assassinio, collegato per molti con gli omicidi del mostro di Firenze, fu sospettato e arrestato un pastore del posto, poi assolto in tribunale. 

Mentre a Quattro Strade di Bientina fu ucciso nel 1960 un fattore di origine siciliana che si diceva in legame col bandito Giuliano. Ci fu un arresto ma anche in questo con assoluzione.

Questi i delitti impunti dal dopoguerra a oggi, poco prima della guerra una ragazza uccise sull'Arno a Pontedera il suo ex fidanzato ma fu ben presto arrestata, mentre altri omicidi soprattutto familiari o per liti, sono stati svelati.

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità