Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:42 METEO:PONTEDERA16°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 16 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità giovedì 27 luglio 2017 ore 13:15

I Comuni contro la pirateria alimentare

La amministrazioni di Riparbella, Lajatico e Orciano hanno aderito alla delibera di Coldiretti #StopCeta contraria all'accordo tra Europa e Canada



RIPARBELLA — Sono già decine i comuni della provincia di Pisa e di Livorno che hanno dichiarato la disponibilità a sostenere la mobilitazione Coldiretti #StopCeta, per dire no all’accordo commerciale tra Unione Europea e Canada che rischia di minare il sistema agroalimentare locale dando il via libera alla pirateria alimentare

Tra le amministrazioni che hanno già aderito alla delibera di Coldiretti, vi sono i comuni di Orciano Pisano, Lajatico e Riparbella, molti altri sono in procinto di deliberare, altri ancora non hanno manifestato ufficialmente alcun orientamento. “Si sta creando un fronte compatto e trasversale tra i sindaci e gli amministratori della provincia – spiega il direttore di Coldiretti Pisa-Livorno, Aniello Ascolese – a sostegno della nostra richiesta di esprimere contrarietà, con una delibera di giunta o di consiglio, alla ratifica dell’accordo Ceta. I comuni che hanno deliberato, o lo faranno nei prossimi consigli, hanno compreso i rischi di questo trattato che mette a repentaglio le tipicità locali, dando il via libera a contraffazioni e inganni per i consumatori”.

Nel gioco commerciale delle imitazioni e dei falsi prodotti identitari sono a rischio 13 Dop e 12 Igp regionali tra cui la Chianina- Vitellone bianco dell’Appennino centrale IGP, il pane Toscano DOP, il pecorino delle Balze volterrane DOP, l’olio Toscano IGP, il Chianti classico DOP, la Finocchiona IGP; tutte produzioni a rischio “tarocco” oltreoceano senza alcuna tutela per imprenditori e consumatori. “La mancata adesione alla delibera #StopCETA – conclude Ascolese – soprattutto per aree vocate all’agricoltura come la Val di Cornia e la Val di Cecina, ci lascia perplessi perché significa dare il via libera ad accordi che vanno nel segno della mancata trasparenza, della scarsa qualità e della penalizzazione del nostro sistema agricolo che ha bisogno di essere tutelato e garantito. Il Ceta rischia di fare da apripista, in futuro, ad altri accordi commerciali dello stesso modello, mettendo a repentaglio l’economia di interi territori che cercano di affermare sul mercato i propri prodotti di qualità”. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Numeri ancora alti quelli sui nuovi contagi giornalieri, ma nella zona tra Valdera e Valdicecina nelle ultime ore ci sono state 85 guarigioni
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca