QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°11° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 20 novembre 2019

Politica martedì 24 novembre 2015 ore 15:05

Sanità, Progetto Insieme si rifà avanti

I consiglieri di Progetto Insieme

Dopo il no del sindaco al referendum, il gruppo d'opposizione presenterà al prossimo consiglio un Odg e un'interpellanza al riguardo



MONTOPOLI — "Si sollecita il sindaco e il segretario comunale a rendere conto a questo consiglio comunale sulle determinazioni che intendono assumere onde mettere in atto forme di consultazione ad hoc, in base all’art. 60 dello statuto comunale e del regolamento vigente; a favorire l’adozione di regolari metodologie e tempistiche da approvare con atto di consiglio, chiarendo sin da ora che il tipo di consultazione scelta dovrà permettere ad ogni singola persona residente nel territorio di Montopoli Val D’Arno di esprimere la propria opinione o il proprio voto". Questo il testo dell'interpellanza con cui i consiglieri Carli, Gronchi e Vanni di Progetto Insieme riportano alla prossima seduta del consiglio comunale fissata per lunedì 30 novembre la questione del riordino sanitario.

Dopo la raccolta firme, la richiesta del referendum e il secco no del sindaco Capecchi, il gruppo d'opposizione si rifà avanti presentando alla prossima seduta il documento e un Ordine del giorno che impegni sindaco e giunta "a porsi nelle condizioni politiche per produrre, in tempi consoni al cammino dell’iter regionale, atti istituzionali in seno al Consiglio Comunale sul tema del riordino del sistema sanitario".

L'obiettivo, per il gruppo d'opposizione, è di "dare modo al Comune di Montopoli, come gli altri Comuni del Valdarno, di innestarsi definitivamente nel quadro organizzativo e di programmazione della istituenda Area Vasta come parte attiva della provincia di Pisa e, quindi, condividendo con questo territorio tutti quei servizi sovra comunali di competenza delle Province stesse (le scuole, le strade, le politiche agricole solo per fare degli esempi) che quando le Province spariranno completamente parte delle loro funzioni verranno riassegnate ai comuni che ne fanno parte e che per questo ogni Comune diverrà amministratore di una parte che in origine era un unicum; impostare le basi per una nuova crescita andando a confrontarci sulla sanità con gli stessi attori di cui discutiamo di Acquedotti, di gestione dei rifiuti, di sviluppo economico" così da "impostare il disegno territoriale in seno all’attuale assetto dell’Unione dei Comuni del Valdarno Inferiore, in un progressivo avvenire di unità e di omogeneità politico-organizzativa; discutere con la Regione Toscana, nella progressiva entrata in vigore della legge di riordino, proposte e forme appropriate di opportunità sanitaria sul territorio del comune di Monopoli e del suo comprensorio che risultino sostenibili, universali, imparziali ed accessibili a tutti i cittadini ed a tutti coloro che si trovano a transitare nel territorio di competenza comunale".



Tag

Ex Ilva, Conte: «All'incontro con il signor Mittal porterò la determinazione di un paese del G7»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Politica