QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 13° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 13 novembre 2019

Attualità martedì 19 dicembre 2017 ore 16:45

Il piano superiore è sicuro, riapre la primaria

Il taglio del nastro (foto ufficio stampa Comune Montopoli Valdarno)

Grande festa a Marti. C'erano il sindaco Capecchi, l'assessore alla pubblica istruzione, la dirigente scolastica Zabel, i docenti e i bambini



MONTOPOLI V.NO — E' stata inaugurata questa mattina la scuola primaria di Marti. Erano presenti il sindaco Giovanni Capecchi, l'assessore alla pubblica istruzione, la dirigente scolastica del Galilei Gaetana Zobel, i docenti, i bambini e i genitori.

Il taglio del nastro era previsto la scorsa settimana ma l'allerta meteo e la conseguente chiusura precauzionale delle scuole ha fatto slittare l'appuntamento a oggi.

In una cornice di festa il sindaco Capecchi ha tenuto un discorso appassionato: "Mi rivolgo a tutti voi presenti, docenti, genitori, cittadini, rappresentanti delle Istituzioni ma in particolare oggi mi rivolgo a voi, bambini: finalmente vi riappropriate della vostra scuola. Sono stato felice di tagliare il nastro per l'inaugurazione del plesso scolastico di Marti al termine dei lavori di messa in sicurezza del piano superiore".

"Con soddisfazione - ha aggiunto Capecchi - posso dare atto come tutto infine si sia concluso per il meglio, nonostante le iniziali polemiche e qualche presa di posizione o atteggiamento diffidente. Questo grazie anche alla collaborazione posta in atto con la dirigenza dell'Istituto stesso e i genitori tutti. Ringrazio quindi la sensibilità mostrata dalla dirigente dell'IC Galilei Gaetana Zobel, che dinanzi alle richieste di maggiore sorveglianza ha tranquillizzato i genitori, così come alla possibile convivenza tra i piccoli delle elementari e i 'grandi' delle medie". 

Capecchi ha poi sintetizzato la cronistoria del percorso: "Nel 2015 il Comune dette mandato a una ditta specializzata di verificare la situazione dei solai nelle scuole del territorio. Da ciò emerse che in alcuni edifici si era verificato il cosiddetto sfondellamento (vale a dire il distaccamento dell'intonaco con parte del laterizio che rimane attaccata). Quando si parla di sfondellamento dei solai occorre distinguere bene la casistica ed in particolare capire se è generata da problemi di stabilità/resistenza del solaio o come nella maggioranza dei casi da situazioni locali connesse all’invecchiamento dei materiali ed alle situazioni di “contrasto” tra gli elementi in laterizio/intonaco con le strutture adiacenti quali murature e/o travetti". 

"A conclusione dell'indagine la relazione peritale ci ha consegnato un quadro piuttosto rassicurante di tutte le scuole del nostro Comune, che non hanno presentato segni di cedimento strutturale. La mappatura comunque assegnò diversi livelli di urgenza e, prima di tutte, fu la materna di Angelica a necessitare un intervento, arrivato nel 2016. Nell'estate 2017 è stato il turno di Marti e quando i tecnici si sono accorti di alcune criticità al soffitto del piano superiore e soprattutto della mensa, è stato deciso di posticipare l'ingresso nella scuola, perché la coabitazione tra muratori e ragazzi sarebbe anche stata possibile ma il rumore prodotto durante i lavori avrebbe inciso negativamente sulle attività didattiche". 

"Fu deciso dunque di spostare gli studenti in blocco fino alla fine deil avori, operando velocemente assieme agli uffici comunali competentiper aggiudicare ed assegnare i lavori alla ditta individuata. Il solo intervento sul plesso di Marti è costato complessivamente 80mila euro, interamente a carico del bilancio comunale".



Tag

A Venezia la situazione è drammatica

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità