comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 22°29° 
Domani 20°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 15 agosto 2020
corriere tv
Salvini: «Se quello che si dice dei verbali Cts fosse vero, Conte andrebbe arrestato»

Attualità venerdì 18 maggio 2018 ore 12:00

Non si possono distruggere i nidi di rondine

Né quelli di balestruccio e rondone. Sono specie protette. Deroga solo per chi restaura o ristruttura, ma fuori dal periodo di nidificazione



SANTA MARIA A MONTE — Questo il testo dell'amministrazione comunale che vieta la distruzione dei nidi delle tre specie di uccelli: "Vista la Direttiva CEE 79/409 del 2 aprile 1979 concernente la conservazione degli uccelli selvatici (recepita in Italia con la Legge 11 febbraio 1992 n.157), visto il d.p.r. 8 settembre 1997 n. 357 (regolamento di attuazione della 92/43/CEE), vista la Legge Regionale 6 aprile 2000 n. 56 e vista la Convenzione Internazionale di Berna del 1979 (ratificata dall’Italia con legge n. 503 del 5/08/1981) si è vista la necessità di intervenire per la salvaguardia degli uccelli selvatici e migratori, come testimoniato anche dal “Progetto Rondine Euring” promosso su scala continentale e coordinato dall’Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica".

"Considerato che le specie di avifauna Rondine (Hirundo rustica), Balestruccio (Delichon urbicum) e Rondone (Apus apus) sono specie protette su tutto il territorio nazionale, è fatto divieto di distruggere, danneggiare o rimuovere i loro nidi. Si chiede, quindi, a chiunque di rispettare le specie citate e, dove possibile, di tutelarle e proteggerle".

"È ammessa deroga al divieto nel solo caso di restauro e ristrutturazione di fabbricati, ma solo ed esclusivamente al di fuori del periodo di nidificazione (ossia dal 15 settembre al 15 febbraio di ogni anno)".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità